Liga, Alaves-Real Madrid 1-4: triplo CR7 e Morata, protesta il Glorioso

I blancos espugnano Mendizorrotza: tre acuti e un rigore sbagliato per Cristiano Ronaldo, gol capolavoro di Morata. I baschi protestano per il primo penalty.

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

Tre gol e un rigore sbagliato. Cristiano Ronaldo è il protagonista indiscusso del 4-1 con cui il Real Madrid espugna il campo dell'Alaves. CR7 firma la tripletta personale ma fallisce anche uno dei due penalty concessi alle merengues. Il primo scatena l'ira dei baschi, che erano passati in vantaggio dopo appena sette minuti. Alla goleada dei blancos partecipa anche Morata con un gol da vedere e rivedere. Real sempre più primo, a + 3 dal Siviglia e in attesa di Barcellona e Atletico Madrid.

Ribaltone, polemiche e CR7

Mendizorrotza completamente sold out, nonostante il club di Vitoria-Gasteiz avesse escluso il match dall'abbonamento. Il gol di Deyverson, dopo appena sette minuti, sembra quasi voler ripagare lo sforzo in più dei tifosi. Il brasiliano è freddissimo nel ricevere in area il cross del 19enne Theo Hernandez e siglare la sua quarta rete stagionale. A colpire ancora di più però è la difesa imbambolata delle merengues, dall'uscita a vuoto di Keylor Navas alla timidezza di Varane. Del resto, che il Real subisca gol non è una novità: sono ormai nove le partite totali in cui i blancos non mantengono la porta imbattuta, circostanza che quest'anno si è verificata solamente in due occasioni.

Per la prima volta in questo campionato, invece, la squadra di Zidane riceve un calcio di rigore. Ma è contestato, contestatissimo quello che Sanchez Martinez concede  trascorso il primo quarto d'ora: la punizione calciata da Bale sembra impattare sulla testa di Deyverson, ma il direttore di gara ravvede un fallo di mano. Sugli spalti scatta il coro sarcastico "così vince il Real Madrid", mentre Cristiano Ronaldo spiazza Pacheco. L'Alaves non digerisce il boccone amaro, si rifà sotto e prende in mano il pallino del gioco. Il pubblico arriva addirittura ad accompagnare il possesso palla a suon di olé, mentre Zidane è costretto a sostituire il malconcio Pepe con Nacho. Ci pensa però la legge di CR7 a spegnere l'entusiasmo del Glorioso: stavolta è la fortuna ad aiutare al 33' il portoghese, il suo tradizionale destro da fuori area trova la deviazione che punisce Pacheco. Per Cristiano è la quarta rete in campionato, la sesta in stagione e la prima doppietta dell'anno.

Saliscendi CR7, gioiello Morata

Nella ripresa il Real si limita a gestire il vantaggio, l'Alaves invece ci crede e spinge a ritmi forsennati. Almeno nei primi dieci minuti, con le due parate di Navas su Camarasa (manata miracolosa nell'uno contro uno) e Deyverson. Poi i blancos rifiatano, riprendono campo e riconquistano la metà campo avversaria. I padroni di casa sono irrequieti, il rigore subito nel primo tempo ancora brucia. Dalla protesta per una rimessa laterale nasce allora l'espulsione del tecnico bianco-blu Pellegrini. Due minuti dopo, al 78', Cristiano Ronaldo viene atterrato in area e si ripresenta sul dischetto: stavolta Pacheco intuisce e nega al portoghese la tripletta. Ci pensa però Alvaro Morata (subentrato al posto di Benzema) a sigillare la vittoria: il suo pallonetto, sul lancio millimetrico di Marcelo, si candida come una delle prodezze più belle di giornata. All'88' poi Cristiano Ronaldo si toglie lo sfizio della tripletta: controllo in area e destro imparabile, per il 4-1 finale. Il Real vola a quota 24 punti: prima della sosta per le Nazionali ospiterà il Leganes, nella stessa domenica dello scontro tra rivali Siviglia e Barcellona. Un'occasione ghiottissima per tentare l'accelerata.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.