Müller litiga coi rigori, ne sbaglia 6 in un anno: "Non li tiro più"

La scorsa stagione ha sbagliato in semifinale con l'Atletico Madrid e fu decisivo per l'eliminazione del Bayern Monaco. In coppa di Germania l'ennesimo errore.

Ha sbagliato in Coppa di Germania, ora però Thomas Müller non calcerà più i rigori

341 condivisioni 0 commenti

di

Share

Il buon Thomas Müller ci passerà la battuta. La decisione che ha preso era obbligata, altrimenti sarebbe stato come sbagliare un rigore a porta vuota.  L’attaccante del Bayern Monaco ieri si è presentato sul dischetto nei sedicesimi di Coppa di Germania contro l’Augsburg. E ha sbagliato. Pazienza, capita. Ma a lui troppo spesso: compreso ieri sono 6 volte negli ultimi 13 mesi. In alcuni casi anche con gravi conseguenze. Per questo Thomas ha deciso di non calciare più i rigori. Ma era una decisione scontata…

Serie negativa

Tutto è cominciato il 26 settembre del 2015. Il Bayern vince 3-0 a Mainz in Bundesliga, del rigore sbagliato da Thomas non parla praticamente nessuno. Il 9 dicembre 2015 Müller si fa ipnotizzare da Eduardo, portiere della Dinamo Zagabria. Poi il rigore sbaglia in Coppa di Germania contro il Bochum nel febbraio scorso. Qualcuno cominciava a storcere il naso, ma in tutte queste occasioni aveva vinto il Bayern, quindi il problema non si era posto. Poi però ecco arrivare il 3 maggio. Semifinale di Champions League, Bayern-Atletico. I bavaresi vincono 2-1, in finale ci vanno gli spagnoli. Sarebbe passato il Bayern però, se solo Thomas non avesse sbagliato anche quel rigore. E si è cominciato a parlare del suo problema dagli 11 metri. Poi agli Europei la sfida con l’Italia e ancora un errore. Sarebbe potuto essere decisivo, ma Zaza e Pellé lo hanno graziato. Thomas però quel giorno fu chiaro:

Non calcerò più rigori.

Detto, fatto. In questa stagione non ha calciato in campionato col Werder, non lo ha fatto col Rostov in Champions. Poi ieri la sfida di Coppa di Germania con l’Augsburg. Sul dischetto è andato ancora lui. E ha sbagliato. A fine partita era inconsolabile, benché il Bayern avesse vinto. Per lui ormai i rigori sono un incubo. E infatti ieri non è riuscito a prender sonno. Meglio tener lontani certi pensieri…

Reazione

Intervistato a fine partita Thomas era l’unico fra i suoi compagni che proprio non riusciva a ridere

Il 2016 non è l'anno dei rigori per me. Ho tirato per caso perché mancavano Lewandowsky, Vidal e Robben. È molto fastidioso aver sbagliato, mi rode molto. Benché io oggi abbia giocato bene non riuscirò a dormire. Mi concentrerò solo sul calcio giocato e farò calciare i miei compagni.

Thomas ha deciso: non calcerà più i rigori. Ma non poteva scegliere altrimenti. Altrimenti, ci permetta la battuta, sarebbe stato come sbagliare un rigore a porta vuota. E sarebbe stato troppo.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.