UFC, il veterano Urijah Faber si ritirerà a seguito di UFC on FOX 22

The California Kid è pronto al ritiro. Urijah Faber ha preso tutti alla sprovvista con il suo messaggio allo show di Ariel Helwani, The MMA Hour.

faber

33 condivisioni 0 commenti

di

Share

La grande carriera di Urijah Faber sembra essere giunta al termine. Faber ha annunciato lunedì al The MMA Hour che ha intenzione di ritirarsi a seguito del suo prossimo match contro Brad Pickett previsto per il 17 dicembre a Sacramento in California, sua città natale. Il match dovrebbe quindi chiudere definitivamente una carriera durata ben 14 anni.

Questo sarà il mio ultimo combattimento - ha dichiarato Faber - ed è giusto che lo faccia qui, nella mia città natale. Al momento giusto nel posto giusto. Sarà un evento epico e voglio che sia davanti alla gente che amo.

Faber, 37 anni, è uno degli atleti più decorati dell'era WEC. Ha dominato nei pesi piuma per molti anni, riuscendo a ottenere vari titoli in federazioni minori prima di acciuffare il titolo dei pesi piuma WEC e difenderlo cinque volte fra il 2006 e il 2008, contando vittorie su atleti come Dominick Cruz e Jens Pulver. Il californiano era uno dei favoriti dai fan in WEC ed è stato sicuramente d'aiuto a far conoscere le classi di peso più basse nelle MMA, si ricordi anche il main event di WEC 48, in cui affrontò José Aldo. Nel 2010, dopo lo scioglimento di WEC, Faber si è confermato uno dei migliori pesi gallo in circolazione, scendendo di una categoria di peso in UFC e combattendo per ben 4 volte per il titolo, perdendo due volte contro Dominick Cruz e altre due contro Renan Barao.

cruz
Dominick Cruz, attuale campione dei pesi gallo. Conta due vittorie e una sconfitta nella trilogia con Faber.

La sua ultima chance andata in fumo, quella contro Cruz a UFC 199, gli ha procurato la terza sconfitta in quattro incontri, facendogli probabilmente capire che era arrivato il momento di fermarsi:

Ho tentennato per un po'. Il fatto è che sono fortunato, sono in salute e mi piace molto quello che faccio. La passione mi è rimasta, non se n'è mai andata, ma non è come molto tempo fa. Il mio combattente preferito è Roy Jones jr., mi ricordo di quando diceva di avere sensazioni simili, quando diceva di fare partitelle di basket lo stesso giorno in cui aveva un incontro di boxe. Sono posizionato bene in classifica, ho sempre grandi combattimenti, ma nei miei ultimi incotri non ho mai sperimentato in maniera coinvolgente le emozioni della risalita o della caduta. È davvero strano per me. Amo ancora ciò che faccio ed è per questo che continuo a farlo, ma sento che questa dovrebbe essere una cosa emozionante per me, invece mi spacco la schiena per allenarmi e poi mi sento così, come adesso che sto parlando.

Probabilmente Faber ha anche intenzione di avere un ruolo manageriale presso il suo team d'allenamento, il Team Alpha Male, continuando a costruire la sua squadra che vede già crescere talenti come Cody Garbrandt e Paige VanZant, oltre a Chad Mendes. Faber crede inoltre che combattere per l'ultima volta davanti alla sua gente gli restituirà quell'emozione di cui parla.

Credevo che il match contro Frankie Edgar mi avrebbe dato più emozioni, sono risalito di una classe. Mi piace competere coi migliori. Ma qualcosa è cambiato in me. Spero di riavere quell'adrenalina, quella pelle d'oca sul collo nel mio ultimo combattimento nella mia città natale. È questo che voglio godermi.

Faber, oltre ad essere ricordato per esser stato un pioniere, sarà ricordato per aver combattuto praticamente per tutta la sua carriera nella top 5 delle categorie di peso di cui ha fatto parte. Oltre ai suoi titoli conquistati, sarà ricordato per il suo incredibile record di 18 vittorie e nessuna sconfitta nei suoi match non valevoli per il titolo, prima della sua sconfitta contro Frankie Edgar nel 2015.

Mi piace far parte del successo di altre persone. Anche atleti come T.J. Dillashaw (Dillashaw faceva parte del Team Alpha Male, poi ha deciso di seguire Duane Ludwig nella formazione del suo nuovo team). Ho goduto delle vittorie di T.J., Chado ragazzi come Mark Munoz e Scott Jorgensen, insomma di tutta la gente che ho aiutato nello sport. Credo sia il momento giusto di uscire di scena e lavorare per continuare a costruire il team. Ho anche roba d'intrattenimento su cui sto lavorando, film, spettacoli. La cosa che mi eccita di più comunque è vedere questa nuova generazione di combattenti, voglio che portino qui le cinture. E voglio ritirarmi con una grande vittoria su Brad Pickett nella mia città natale.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.