EFL Cup, il Manchester United "Mata" il City 1-0: Mourinho è ancora vivo

Un gol dello spagnolo elimina i Citizens dalla Coppa di Lega e regala a Mourinho la qualificazione ai quarti. Il derby di Manchester numero 173 è dei Red Devils.

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

A un passo dal precipizio, Mourinho e il suo Manchester United si rialzano e lo fanno nella partita più carica di significati: il derby contro il City imbottito di riserve. Negli ottavi di EFL Cup i Red Devils vincono la stracittadina numero 173 e volano ai quarti di finale. A Old Trafford finisce 1-0, il man of the match è Juan Mata. Lo Special One supera il rivale di sempre Guardiola (alla sesta partita senza vittoria, è record negativo) e prende una bella boccata d'ossigeno. La serata del portoghese inizia con l'abbraccio e i sorrisi al catalano, termina con i ringraziamenti ai suoi tifosi e le scuse per l'umiliazione subita col Chelsea. Lo United riparte da qui. 

Scelte

Mourinho sceglie i titolarissimi. Non rinuncia a Ibrahimovic, lo schiera al fianco di Rashford supportato da Mata. I tre di centrocampo sono Herrera, Carrick e Pogba, l'inedita difesa è composta da Valencia, Rojo, Blind, Shaw e de Gea tra i pali. Di fronte l'undici di Guardiola - disposto col 4-3-3, ma è un'eresia rinchiudere il calcio di Pep in tre numeri - con Caballero in porta, Maffeo, Otamendi, Kompany e Clichy a formare il quartetto difensivo; in mediana Aleix Garcia, Fernando e Nolito e nel tridente Jesus Navas, Iheanacho e Sané. Sergio Aguero parte dalla panchina.

Bloccate

Regna la paura, la tensione, l'equilibrio. Il possesso palla come di consueto è proprietà della squadra di Guardiola, ma di spettacolo neanche l'ombra. Il momento negativo delle due squadre si riversa in campo, a Iheanacho e Ibrahimovic capitano le uniche occasioni della prima frazione. Il nigeriano sbaglia di testa da due passi, lo svedese si vede murare un destro da Otamendi. Resta potenziale la chance di Rashford, lanciato splendidamente di esterno da Ibra. L'inglese temporeggia troppo e perde l'attimo buono. 

Ibra&Mata

Bastano nove minuti perché l'Old Trafford abbia più sussulti che durante tutto il primo tempo. Iheanacho sfrutta un errore di Mata e parte in contropiede, sul più bello sbaglia la scelta e serve Nolito in fuorigioco. Ma è lo United la squadra che rientra meglio dagli spogliatoi. Pogba prende il palo col piatto mancino (tocca Caballero), poi Mata fa impazzire Old Trafford. Ibra stravince il duello fisico con Otamendi, entra in area e accarezza la sfera. Herrera travolge Fernando nel tentativo di proteggere il pallone, Mata arriva da dietro e la piazza col mancino.

Nessuna reazione

I Red Devils spingono ancora e sfiorano il raddoppio. Rashford sprinta sull'out di sinistra e crossa, il liscio di Ibra ha del clamoroso. Arriva il momento del Kun Aguero, Nolito va in panchina. L'argentino non viene mai servito, il City non entra mai in partita. Lo United potrebbe chiuderla ancora, stavolta in contropiede. Pogba è anticipato d'un soffio da Maffeo. Nessun rimpianto, la qualificazione resta in cassaforte fino al triplice fischio. Manchester, almeno per stasera, si tinge di rosso. Mourinho batte per la quarta volta in carriera Guardiola. Adesso il bilancio recita otto vittorie per Pep, 6 pareggi e 4 successi per lo Special One. 

Mourinho chiede scusa per il 4-0 subito contro il Chelsea

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.