Pallone d'Oro: ecco la lista degli esclusi eccellenti

61° edizione del Pallone d'Oro: tanti nomi illustri mancano all'appello. Da Benzema a Marcelo, passando per Oblak e Sanchez , ecco i reietti di France Football.

Pallone d'Oro

460 condivisioni 0 commenti

di

Share

Ah, il Pallone d'Oro. Un sogno vincerlo, un obbligo contenderselo con gli altri campioni. E se non sei iscritto a questa speciale lista, cosa fai? Per saperlo, chiedere lumi a Karim Benzema e agli altri esclusi di lusso. Ieri la rivista France Football ha diramato l'elenco dei 30 calciatori che si contenderanno questo super riconoscimento. Nomi giganti, deluxe. Scommetterci sopra quest'anno sarà più divertente. Se Cristiano Ronaldo ha il premio quasi in cassaforte, il rivale Messi sembra avere qualche sicurezza in meno rispetto al passato. Intanto, solo un fatto è certo: al giorno della cerimonia - nell'edizione n° 61 del premio - non parteciperanno un miriade di giocatori dai connotati fenomenali. Scopriamoli assieme: ecco gli esclusi eccellenti del Pallone d'Oro 2016/17.

Karim Benzema

Lo ha dichiarato più volte: "Voglio vincere il Pallone d'Oro". Appuntamento rimandato, almeno per un anno. Benzema dovrà farsene una ragione. Vero, quest'anno la BBC del Real Madrid fatica a brillare, ma i giornalisti di France Football, per assegnare il premio, hanno passato in rassegna la scorsa di stagione. Totale? Poco di buono, per Karim. Già, 28 reti in 36 apparizioni tra campionato e coppe non sono affatto bastate. Ecco, il caso Valbuena. Qui casca l'asino, anzi: Benzema. Questo, infatti, è il motivo per cui l'attaccante non è stato convocato ad Euro 2016. L'esclusione nasce dai problemi giudiziari derivanti dalla tentata estorsione ai danni del compagno di Nazionale Valbuena, protagonista di uno scandalo sessuale per il quale è stato ricattato. Le prestazioni sportive, dunque, sono passate in secondo piano, perché il piano morale spesso è ancora più importante: anche per il Pallone d'Oro.

Sergio Busquets

Liga e Copa del Rey alzate al cielo. 53 presenze totali nella passata stagione. Corsa infinita e polmoni sempre pieni, idee e geometrie a servizio del Barcellona. Poco importa, ai giornalisti francesi. Per Busquets anche per quest'anno non c'è spazio nei magici trenta. Meglio uno come Kroos del Real Madrid, per intenderci. Riprova e sarai più fortunato: Sergio non molla.

Marcelo

Un treno. Quando è assente, il Real Madrid piange. Anche il Brasile è tornato a coccolarselo. E poi la Champions League: una meravigliosa cavalcata tutta blancos, grazie anche alle sue folate offensive sulla fascia. Ma il Pallone d'Oro, per Marcelo, non ci sarà. Esclusione rumorosa.

Jan Oblak

Portierazo. Un muro invalicabile. La scorsa stagione Oblak ha subito solo 18 gol, eguagliando il record assoluto di Francisco Liaño del Deportivo la Coruna. Ma il miglior portiere della Liga non ha scaldato i cuori degli esperti francesi. C'è però Buffon: era ora. Già, lo juventino figura tra i cinque papabili al trofeo. Sarà la volta buona?

Edinson Cavani

Parte Ibra, Cavani torna protagonista. L'avvenente uruguagio quest'anno è una raffineria: ogni palla viene tramutata in rete. 13 gol in 12 partite nel nuovo corso del PSG, mica male. Le 25 esultanze dell'anno scorso, però, non sono stati sufficienti per eleggerlo nel novero dei più forti calciatori della stagione. Sergio AgueroPierre-Emerick Aubameyang, per esempio, hanno dimostrato qualcosa di più. Edinson intanto prende appunti. Dategli tempo, vi sorprenderà.

Eden Hazard

Un conto è il Chelsea dello scorso anno, altra roba quello di Conte. Per credere, domandare ad Hazard. Il belga è rigenerato. Finalmente decide le partite: fa il fenomeno. Coraggio Eden, questa deve essere la tua stagione.

Alexis Sanchez

La scorsa edizione Sanchez arrivò decimo. Non solo, ha firmato 17 gol in totale e, sopratutto, ha vinto la Copa America per la seconda volta consecutiva. Ma nulla, ostracismo nei suoi confronti da parte di France Footaball. Intanto, Alexis segna e diverte con i super Gunners di quest'anno. Poco importa, il Pallone d'Oro.

Thibaut Courtois

Courtois ha perso la proverbiale aurea d'imbattibilità. Pesano come un macigno quei 38 gol subiti in sole 30 partite. Esclusione legittima.

Carlos Bacca

Eppure, l'anno scorso, il colombiano figurava nel listone dei sogni. Merito di una super stagione l'annata prima con il Siviglia. Ma Bacca anche nel tirocinio in Italia ha fatto faville. Vero, è difficile emergere in un Milan povero di materie prime, ma Carlos i suoi gol li ha fatti: 20, per la precisione. Vietato abbattersi, meglio continuare a segnare.

Dani Alves

Il Barcellona lo ha ceduto, la Juve lo ha preso e France Football lo ha escluso. Non è un dramma per un terzino della leva calcistica del 1983 essere fuori dalla lista per il Pallone d'Oro, anche se il Dani Alves non è di certo un giocatore sul viale del tramonto.

Claudio Bravo

Il pensiero va pure a lui. Bravo è stato protagonista di un ottima stagione con il Barcellona e, soprattutto, della vittoria della Copa America con il Cile. A fare da contraltare alla sua positiva annata, però, c'è il piccolo neo dell'esclusione da questo ambito premio. Il portiere cileno avrà giocofroza la testa concentrata solo al Manchester City, la sua nuova squadra.

Leonardo Bonucci

Dai, almeno una menzione nella lista dei 30 l'avrebbe meritata. Bonucci ha scritto una stagione sontuosa: l'ennesimo scudetto con la Juve e un ottimo Europeo, addirittura, hanno fatto dormire notti insonni a Guardiola. Pep avrebbe offerto la luna per portarlo al City. I giornalisti francesi, invece, non lo hanno proprio considerato: gli hanno preferito altri difensori, come Pepe del Real Madrid. Anche Barzagli, l'altro ministro della difesa juventina, è stato escluso dalla lista. Dei bianconeri, però, figurano Buffon, Dybala e Higuain.

N'golo Kanté

Il 70% della Terra è ricoperto di acqua, il resto da Kanté. Il francese è stato uno degli autori principali della favola Leicester. Un centrocampista a tutto tondo, capace di affascinare il Chelsea che in estate gli ha affidato le chiavi del centrocampo Blues. Non abbastanza, però, per attirare l'attenzione della redazione di France Footaball. Saranno Jamie Vardy e Mahrez le 'Leicestars' iscritte nella lista dei 30.

Diego Costa

Uno normale l'anno scorso, un super bomber questa stagione. Bellissimo rivedere Diego Costa con la fame che lo contraddistingue da sempre. La passata stagione il centravanti del Chelsea raggranellò solo 16 reti, poche per un killer come lui. Un misero bottino per assurgere tra i più grandi dell'ultima temporada, ma adesso la storia è cambiata: è lui il capocannoniere della Premier League.

Gli altri esclusi

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.