Liga, beccato chi ha lanciato la bottiglietta a Neymar: è un 17enne

È già stato individuato il tifoso che ha colpito il brasiliano con una bottiglietta, dopo il rigore di Messi nella partita Valencia-Barcellona dello scorso sabato.

553 condivisioni 0 commenti

di

Share

Il Valencia ha già identificato l'autore del lancio della bottiglia che ha poi colpito Neymar lo scorso sabato al Mestalla: tutto è accaduto in occasione del terzo gol del Barcellona realizzato da Messi su calcio di rigore a tempo scaduto. Un gol che ha condannato alla sconfitta la squadra di Cesare Prandelli e ha "indispettito" i tifosi di casa, colpevoli di vari lanci di oggetti in direzione dei giocatori catalani, uno dei quali arrivato a bersaglio visto che colpito prima Neymar e poi Luis Suarez.

Individuato

L'autore del lancio è un tifoso di 17 anni socio e membro della Curva Nord del club valenciano, che si è immediatamente messo in contatto con il padre del ragazzo: i due si sono mostrati da subito pentiti per l'accaduto. L'individuazione è stata possibile grazie all'operato della Polizia e del club, che nel post-partita aveva emesso un comunicato in cui condannava quanto accaduto e si metteva a completa disposizione per aiutare la ricerca del colpevole. Insieme hanno lavorato per ore, esaminando le immagini da differenti prospettive e televisioni, fino a che alla fine non sono riusciti a localizzare e identificare il lanciatore di quella bottiglia di plastica.

Rischio squalifica

Adesso il Valencia si prepara a una sanzione da parte del Comitato Anti-Violenza, dovrebbe trattarsi di una multa con condizionale per la chiusura dello stadio in caso di nuovi episodi simili. Da registrare che nella stessa partita, poco prima dell'inizio del match, anche l'ex Paco Alcácer era stato colpito con un oggetto lanciato dalla tribuna (probabilmente un pacchetto di carta vuoto vista la traiettoria) mentre si stava per accomodare in panchina tra i fischi di tutto il Mestalla: in quel caso, dal momento che è andato in diretta televisiva, non era però servito un gran lavoro per individuare il tifoso colpevole, posizionato proprio dietro la postazione di Luis Enrique.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.