Sterling guadagna 11 milioni all'anno, ma vola con le compagnie low-cost

Non è cosa da tutti i giorni volare con le compagnie low-cost, se sei un ricco calciatore, ma la scelta dell'esterno destro del Manchester City ha una sua logica.

Raheem Sterling del Manchester City

868 condivisioni 0 commenti

di

Share

Nel luglio del 2015, Raheem Sterling è riuscito a convincere il Manchester City a sborsare 68 milioni di euro per strapparlo al Liverpool, oltre a irrorare il suo conto in banca con 11 milioni di euro ogni anno. Sono cose che ti aspetti, da uno il cui cognome significa "sterlina". Il feeling coi soldi è scritto nel sangue. Quello che non ti aspetti è che uno che incamera certe cifre poi decida di viaggiare con una compagnia low-cost, spendendo quello che spenderebbe uno studente Erasmus: 100 euro. Due settimane fa, il 10 ottobre, l'ala di Guardiola è stata pizzicata a bordo di un aereo easyJet partito da Malaga e diretto a Manchester, in compagnia della fidanzata Paige Milian, una sorta di Daenerys Targaryen afro, con cui aveva trascorso qualche giorno di vacanza nell'assolata Marbella. In linea teorica, Sterling avrebbe dovuto essere da tutt'altra parte, cioè nel ritiro inglese insieme ai suoi compagni di nazionale, ma un infortunio al polpaccio lo aveva costretto ad alzare bandiera bianca.

L'apparizione di un celebre multimilionario ha naturalmente sollevato la curiosità dei fan di calcio appartenenti alla piccola borghesia, loro sì nel loro habitat naturale su un Boeing 737 in cui a malapena i bagni non ti costano un supplemento extra, e alcuni di loro hanno raccontato al Sun qualche imperdibile pillola, tipo:

Stava seduto davanti, su un posto lato corridoio. Quando la coppia che sedeva vicino a lui ha avvertito il bisogno di andare in bagno, lui si è alzato e li ha fatti passare.

La sua presenza su un volo easyJet non è dovuta alla sua impareggiabile taccagneria, ma al fatto che la tratta Malaga-Manchester è coperta solo da compagnie low-cost. La scelta è facile, quando c'è un solo candidato.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.