Liga, Diego Alves a Messi prima del rigore: "Te l'ho già parato, ricordi? "

Il portiere del Valencia ha provato a far innervosire Messi in ogni modo, ma la Pulce non ha sbagliato e ha fissato il risultato sul 2-3. Smontata la polemica del bacio.

Messi e Diego Alves

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

C'è sempre tanta pressione su chi si appresta a tirare un calcio di rigore. Aggiungete l'ulteriore pressione del risultato in bilico. Appesantite il tutto con il fatto che si tratta dell'ultimo minuto, l'ultima occasione della gara per cambiare il risultato. Non dimenticatevi di fare i conti con la tara: tutti gli occhi del mondo sono puntati su di te, il giocatore più forte del mondo. Vi sembra facile? No, certo che non lo è. Diego Alves, portiere para-rigori della Liga ha cercato di aggiungere ulteriore pressione su Lionel Messi prima del rigore assegnato nel finale di Valencia-Barcellona.

Valencia-Barcellona
Il rigore del definitivo 2-3 realizzato da Lionel Messi

Lionel te l'ho già parato una volta. Ricordi?

Inutili le proteste di Neymar e Ivan Rakitic che hanno provato ad allontanare l'estremo difensore del Valencia dal loro capitano, incaricato del penalty assegnato allo scadere del secondo e ultimo minuto di recupero. Passano due minuti tra il fallo di Abdennour su Suarez e la trasformazione del rigore. Centoventi secondi in cui il numero 1 ha provato di tutto per innervosire l'argentino.

Valencia-Barcellona
Il portiere del Valencia Diego Alves

Il bacio della discordia

Tentativi però vani visto che il portiere ha sì intuito il tiro, ma nulla ha potuto contro la conclusione forte e angolata di Messi. È finita 2-3 tra la delusione di Prandelli, dei suoi uomini e soprattutto del pubblico che ha colpito durante l'esultanza Neymar e Suarez con una bottiglietta d'acqua. Proteste che non sono terminate e anzi sono state alimentate dal bacio di Messi, che in un primo momento sembrava essere indirizzato a Diego Alves. Supposizione errata, visto che il numero 10 del Barcellona ha mandato un bacio alla telecamera.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.