Formula 1, in Texas trionfo Hamilton. Rosberg non molla, è secondo

Gara perfetta dell'inglese, ma non basta per sconvolgere la classifica, Nico gestisce e si accontenta. Terzo Ricciardo, Verstappen e Raikkonen out, 4° Vettel.

Immagine di Hamilton primo ad Austin

31 condivisioni 0 commenti

di

Share

Ci ha provato Hamilton ad impensierire Rosberg. Weekend perfetto, pole perfetta, gara perfetta. Ma il compagno leader del Mondiale non molla di un metro ed è secondo. Non spinge mai, fa i giusti calcoli, lascia sfogare l’inglese, giusto così. Lewis fa 50 vittorie in carriera, un trionfo che serve a riaprire leggermente i giochi. A 3 GP dalla fine il distacco è di 26 punti.

Ottimo sprint

No, questa volta Hamilton non sbaglia la partenza. Marcia dentro, giù il gas e alla prima curva compare lui. Rosberg invece rimane leggermente incantato, all’interno lascia la porta aperta e si infila Ricciardo. Dopo la Mercedes del tedesco c'è Raikkonen. Per il quinto posto ecco subito il primo duello: Vettel attacca subito Verstappen, l’olandese in qualche modo si difende e mantiene la posizione. Strategie? Saltate, la pista risponde in maniera diversa rispetto alla durata delle gomme consigliata dalla Pirelli. Al nono giro Ricciardo e Raikkonen vanno già dentro, via via tutti gli altri. Non Vettel, che con la supersoft tira lungo e si ritrova leader provvisorio. La Red Bull di Verstappen va forte e si riprende la quarta piazza ai danni di Raikkonen. Ma la vera battaglia è tutta davanti, tra Hamilton primo, e Rosberg terzo. Si può riaprire un Mondiale.

Disastro Red Bull

Altre soste, Ricciardo va dentro, Rosberg si ritrova secondo. Ma nel box austriaco combinano il caos con Verstappen: il 19enne entra a sorpresa, i meccanici sono impreparati, il cambio gomme è lunghissimo. Hamilton davanti intanto scappa, al 30° giro ha dieci secondi di distacco dal compagno di squadra. Fa il secondo pit stop Vettel: monta gomma bianca per riuscire ad arrivare fino in fondo. Poi il forfait della Red Bull di Verstappen: problemi al cambio, fa qualche chilometro in mezzo alle traiettorie a velocità ridotta, alla fine decide di fermarsi. A regime di safety car virtuale ci sono le due Mercedes davanti, poi Ricciardo, Raikkonen e Vettel. Dietro vanno Sainz, poi Massa, Alonso, Perez e Button.

Tirata finale

Altro flop ad Austin, questa volta marchiato di rosso. Raikkonen esce dai box e si ferma subito. Pneumatico non bloccato, stop e ritiro, che beffa per il finlandese che aveva Ricciardo nel mirino per la battaglia al terzo posto.

Il resto è noia: Hamilton passa primo sul traguardo davanti ad Hamilton e Ricciardo. Per aprire il Mondiale ci vuole di più. Peccato per le Ferrari: sempre male nel weekend, in gara invece c'è il ritmo giusto. Poi sfortuna per Raikkonen, Vettel ormai non vede l'ora di chiudere la stagione.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.