Eredivisie, pareggio per 1-1 nel "Klassieker" tra Feyenoord e Ajax

Si ferma a 9 la serie di vittorie consecutive della squadra di van Bronckhorst, che agguanta il pareggio con Kuyt a 5 dal termine: Dolberg in gol per gli ospiti.

145 condivisioni 0 commenti

di

Share

Prima o poi quella striscia di vittorie consecutive del Feyenoord doveva interrompersi, e visti i precedenti era ipotizzabile che lo stop arrivasse proprio nel "de Klassieker". Già perché la partita contro l'Ajax sembra essere avvolta da una vera e propria maledizione per la squadra di Rotterdam, che nella sua storia è riuscita a vincere solo 7 volte contro i "Lancieri". La tradizione si è confermata anche in questa decima giornata di Eredivisie, con il gol di Kuyt a 5 dal termine che ha evitato addirittura la sconfitta alla squadra di van Bronckhorst, passata sotto a inizio ripresa per la rete di Kasper Dolberg.

Primo tempo

E pensare che se il primo tempo si fosse concluso 2-0 o 3-0 nessuno avrebbe potuto gridare allo scandalo. Il Feyenoord preme continuamente sull'acceleratore e sfiora il gol in più occasioni. La prima all'11' con Jorgensen che prova a far girare il destro ma non prende bene le misure e calcia a lato. Un minuto dopo è il momento della clamorosa ingenuità di Sinkgraven: il difensore dell'Ajax si fa soffiare il pallone da Bilal Basacikoglu, la caparbietà del 21enne olandese di chiare origini turche non viene però premiata perché sulla sua strada trova un miracoloso André Onana a dirgli di no e lasciare il punteggio inchiodato sullo 0-0. Al 33' tocca a Kuyt provarci, ma il suo tiro da fuori area termina alto. La palla gol più clamorosa è probabilmente quella al 41', quando Botteghin è libero di coordinarsi da pochi passi per calciare il pallone in girata: il suo destro finisce però incredibilmente fuori bersaglio. A primo tempo ormai scaduto ci prova pure Toornastra e il suo diagonale finisce di un soffio al lato.

Secondo tempo

Ajax non pervenuta, insomma, nella prima frazione. Ma al rientro dagli spogliatoi sono proprio i Lancieri a passare a sorpresa in vantaggio, con un gioiello al 55' di Kasper Dolberg, abile a sfruttare il passaggio di Hakim Ziyech e beffare Bradley Jones in uscita con un dolce colpo sotto che va ad insaccarsi gelando i tifosi del Feyenoord e stordendo gli avversari.

Tra il 63' e il 64', infatti, la squadra di Peter Bosz ha anche l'occasione per raddoppiare le marcature, sempre con Ziyech: prima con una punizione da 30 metri che impensierisce Jones, costretto a respingere il pallone con i pugni, poi con un altro sinistro molto più debole che non crea problemi particolari al portiere. Al 74' arriva la reazione d'orgoglio dei padroni di casa, che si affacciano in di nuovo in avanti con un tiro di Berghuis che non gira abbastanza e conclude la sua parabola al lato. Quando la partita stregata per il Feyenoord sembra indirizzarsi verso la prima sconfitta in questa Eredivisie, ecco però che l'orgoglio di capitan Dirk Kuyt ha il sopravvento: l'ex Manchester United si tuffa su un cross perfetto di Eljero Elia anticipando Mitchell Dijks e il suo colpo di testa bacia il palo prima di finire alle spalle di Andre Onana. Il de Kuip esplode di gioia, è la rete dell'1-1 definitivo e del primo pareggio del Feyenoord in campionato dopo 9 vittorie consecutive.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.