Ancelotti su Conte: "Compito difficile vincere la Premier League"

L'allenatore del Bayern crede che il tecnico dei Blues sia adatto a costruire un gruppo vincente: "Ha bisogno di tempo, ma non credo che Conte ne abbia tanto".

Gli allenatori di Chelsea e Bayern Monaco

285 condivisioni 0 commenti

di

Share

Antonio Conte non possiede la bacchetta magica: i tifosi del Chelsea se ne sono resi conto in quest'avvio di stagione di Premier League, in cui i Blues hanno alternato ottime prestazioni a deludenti partite. Non sembrano esserci i presupposti per ripetere l'impresa fatta con la Juventus: squadra presa da un anonimo settimo posto e portata per tre anni consecutivi alla vittoria della Serie A. Di questa idea è anche Carlo Ancelotti che tra un elogio e l'altro ammette che il Chelsea non è pronto a dominare il campionato inglese. 

Allenatori Bayern e Chelsea
Carlo Ancelotti abbraccia Antonio Conte in Juventus-Real Madrid

Non conosco la missione di Antonio Conte sulla panchina del Chelsea. Se l'obiettivo è vincere la Premier League in questa stagione, credo che il compito sia veramente difficile. Non lo conosco personalmente come manager, ma è stato il mio capitano alla Juventus parecchi anni fa

ha affermato il tecnico del Bayern Monaco, che sulla panchina del Chelsea ha conquistato un titolo nazionale nel 2009. Anche lui sta avendo qualche difficoltà sulla panchina dei bavaresi, ma la leadership in Bundesliga non sembra affatto vacillare nonostante i due pareggi nelle prime otto partite che hanno già fatto parlare di crisi in Germania.

Ex tecnico Chelsea
Carlo Ancelotti festeggia la vittoria della Premier League con il Chelsea

Ogni manager ha bisogno di tempo. Non credo però che Antonio Conte abbia tanto tempo a disposizione. Se l'obiettivo del Chelsea è costruire un nuovo gruppo, un'idea di calcio e una strategia vincente, Conte è la persona giusta e ha ottime probabilità di riuscire a conseguire i risultati fissati.

Antonio Conte che in estate ha raccolto l'erdità eredità di José Mourinho, che è solito solito lasciare le proprie squadre in condizioni fisiche e psicologiche non proprio esaltanti dopo averle spremute a dovere. L'allenatore italiano però ha recentemente avuto parole di elogio verso il suo predecessore:

Allenatore Chelsea
Antonio Conte allenatore del Chelsea

Mourinho è stato un allenatore importante per la storia di questo club. Io lavoro ogni giorno duramente per fare del mio meglio e costruire qualcosa di importante. Ho firmato un contratto di 3 anni perché ho bisogno di tempo e in 3 anni voglio costruire una squadra vincente. Fondamentale è dare il massimo, poi ovviamente è importante anche il piazzamento finale in classifica, ma non fondamentale.

Classifica di Premier League

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.