La raccolta fondi prosegue spedita: lo Sheffield FC sta per tornare a casa

Il club più antico del mondo, fondato nel 1857, sta ricostruendo la propria casa a Olive Grove grazie alle donazioni di tifosi e società di calcio, tra cui il Genoa.

Lo Sheffield FC è stato fondato il 24 ottobre 1857

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

"Senza di noi, il calcio semplicemente non sarebbe esistito". Proclama troppo arrogante? Non se ti chiami Richard Tims e sei il presidente dello Sheffield FC. "The World's First" cioè, il primo club di calcio della storia. La scintilla primordiale, il Big Bang dello sport più popolare al mondo ha una data scolpita nella roccia del tempo: 24 ottobre 1857. Quel giorno, alla Parkfield House della città del South Yorkshire inglese, si tenne il meeting inaugurale del club fondato da due membri di un club locale di cricket, Nathaniel Creswick e William Prest. Sapete da dove deriva la proverbiale partita "Scapoli-Ammogliati"? Esatto, dalle sfide tutte interne disputate dai giocatori dello Sheffield. "Da allora sono successe un sacco di cose...", sintetizza nostalgicamente il sito della società più antica del mondo, insignita (unica oltre al Real Madrid) del prestigioso FIFA Order of Merit.

In questo caso non parliamo però del sito istituzionale del club, ma del portale "theworldsfirst.org". La vetrina cioè del progetto ambizioso che lo Sheffield FC ha lanciato nell'estate del 2015, un'iniziativa a livello globale che si pone obiettivo romanticamente preciso: riportare in vita l'Home of Football, la casa del calcio. Dove? A Olive Grove, il campo di gioco dove - rivendica il più antico sodalizio del mondo - "i nostri pionieri fondarono il calcio". Dal 2001 infatti i Maroons - che attualmente militano nella Northern Premier League Division One South, ottavo livello del campionato inglese - disputano le gare casalinghe al Coach & Horses di Dronfield, una località a circa mezz'ora di macchina da Sheffield. L'esigenza di tornare a giocare nella propria città, nella terra natia dov'è tutto è cominciato, ha però spinto la dirigenza del "The Club" a lanciare lo scorso anno una campagna mondiale di crowdfunding, una richiesta di donazioni volontarie che ha varcato fin da subito le soglie di Sheffield e del Regno Unito.

Good morning from The Home of Football! #theworldsfirst

A photo posted by Sheffield FC (@_theworldsfirst) on

L'appello ha trovato in poco tempo un riscontro eccezionale: più di 2.000 tifosi di tutto il mondo hanno offerto sostegno economico, mentre hanno risposto presente anche numerosi sponsor locali, aziende e enti governativi internazionali. Non solo: tantissimi club e leghe nazionali hanno sposato il progetto. Tra le società inglesi figurano il Tottenham, l'Aston Villa, il Wimbledon, il Football Club United of Manchester e anche i concittadini dello Sheffield United. Numerose anche le squadre tedesche, come il Borussia Dortmund, l'Amburgo, il Wolfsburg, l'Hertha Berlino, l'Ingolstadt e il St. Pauli. Tra i soggetti collettivi scesi in campo, la stessa Bundesliga, il Comitato organizzatore dei Mondiali di Qatar 2022 ma anche la nostra Serie A. Poteva mancare poi il club più antico d'Italia?

Genoa e Sheffield FC (a sinistra il presidente Richard Tims) fanno parte del "Club dei Pionieri" (genoacfc.it)

Ovviamente no, dal momento che il Genoa e lo Sheffield fanno entrambi parte del "Club dei Pionieri", l'associazione riconosciuta dalla FIFA e che unisce le società più antiche del mondo del calcio. Il Grifone ha abbracciato in pieno l'iniziativa, dandole ampio risultato sul proprio sito ufficiale:

Non esiste identità senza ricordi. Non c’è un domani senza la dimensione delle esperienze vissute. Support #theworldfirst è l’iniziativa lanciata nel mondo digitale che, a colpi di una sterlina dopo l’altra, sta alimentando le speranze di (ri)vivere la fiaba di “The Home of Football”. Tirare su, mattone dopo mattone, la casa del calcio. Con stadio e museo. Un luogo dell’anima per rilegare i capitoli della Storia. Guardare indietro, per andare avanti.

La raccolta fondi in effetti sta avanzando a ritmi incoraggianti, anche grazie alle donazioni dei privati: il portale dedicato al crowdfunding invita infatti qualsiasi persona "di buona volontà" a investire anche una sola sterlina, un solo euro o un solo dollaro per la buona riuscita del progetto, mettendo a disposizione le coordinate per effettuare il versamento. Tra i sostenitori vip, l'attore britannico Alfie Allen: il Theon Greyjoy della celebre serie tv "Il Trono di Spade" ha visitato di persona pochi giorni fa l'Home of Football in via di costruzione.

A pochi giorni dal 159° anniversario della fondazione del club, l'importo raccolto finora ha sfondato il muro delle 150 mila sterline. Una somma che ha permesso allo Sheffield di realizzare il primo obiettivo fissato nella road map del progetto: il nuovo terreno di gioco. Su Theworldsfirst.org è possibile infatti verificare lo stato dell'arte dei lavori, seguendo una scaletta ideale di "goal" da raggiungere: bandierine dei corner e vialetti adiacenti al campo, spogliatoi e riflettori, gradinate e pub interno all'impianto, fino alla composizione di un inno ufficiale (quello attuale è "Don't you want me", mega hit anni '80 degli Human League).

La prima, mitica formazione dello Sheffield FC (fonte Wikipedia)

Tra gli obiettivi, anche l'organizzazione della partita inaugurale nel nuovo "vecchio" campo e la realizzazione del museo dello Sheffield FC. Il traguardo finale si proietta invece al 2050: ospitare il primo Mondiale per club dilettantistici. Un sogno che testimonia come questo piano d'azione sia tanto ambizioso quanto a lungo termine. Un cammino che, come sottolineato, sta trovando sempre più consensi in tutto il mondo del calcio. Il presidente Richard Tims non può che esserne orgoglioso:

È incredibile vedere quanta energia sia in grado di sprigionare la nostra storia unica, con il coinvolgimento di tanti tifosi in ogni parte del mondo. Lo Sheffield difende a livello globale la bellezza di questo sport e rappresenta un patrimonio culturale per tutti coloro che lo praticano. Siamo davvero grati a tutti gli appassionati di calcio che hanno deciso di sposare il nostro progetto.

L'Home of Football insomma prende sempre di più forma. Spinta dal supporto dei sempre più numerosi sostenitori che - per citare uno degli slogan di presentazione del progetto - vedono nella rinascita di Olive Grove "la casa che ricordi a tutti noi la vera essenza del calcio".

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.