Van Persie, gol e ovazione: il ritorno a Old Trafford è da brividi

L'attaccante olandese ha segnato il gol della bandiera per il Fenerbahce e ha ricevuto la standing ovation dei suoi ex tifosi, compreso Sir Alex Ferguson.

Van Persia aplaude i tifosi dello United

2k condivisioni 0 commenti

di

Share

L'ennesima serata impossibile da dimenticare vissuta all'Old Trafford. Robin Van Persie, oggi attaccante del Fenerbahce, tra l'estate del 2012 e quella del 2015 ha passato alcuni dei momenti migliori della sua carriera al Manchester United, molti dei quali proprio su quel terreno di gioco e proprio con gli stessi tifosi che ieri sera, sin dal pre-partita, lo hanno acclamato e ricoperto di applausi. 

Una Premier League e un Community Shield in tre anni, conditi da 58 gol in 105 presenze. L'olandese da quelle parti se lo ricordano benissimo e non solo per essere stato strappato ai rivali dell'Arsenal, ma anche e soprattutto per la passione e l'impegno che ha sempre dimostrato nei confronti di quella maglia e di quei colori. Di recente il suo gol contro l'Aston Villa - segnato nell'aprile del 2012 - è stato votato come il gol più bello dell'era della Premier League, ovvero dal 1992 a oggi.

Lo striscione per Robin van Persie ieri sera a Old Trafford

Quando ieri al minuto 83 si è infilato tra i due difensori dei Red Devils insaccando la rete del 4-1, dopo un iniziale momento di gelo tutto lo stadio gli ha tributato un'emozionante standing ovation. Lui ha alzato le braccia al cielo in segno di ringraziamento, ha trattenuto a stento le lacrime e si è avviato a testa bassa verso il centrocampo, mentre le telecamere indugiavano in tribuna autorità sulla reazione di Sir Alex Ferguson. L'ex manager scozzese, tra i principali fautori del trasferimento di Van Persie a Old Trafford e tra gli unici, ai tempi, a volerlo fortemente, se la rideva di gusto assieme a Sam Allardyce, applaudendo quel ragazzo che lo ha fatto tanto gioie. I due hanno passato solamente una stagione insieme, chissà cosa avrebbero potuto combinare se solo l'olandese fosse arrivato a Manchester qualche anno prima. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.