Mike Dean, l'arbitro "pazzo" della Premier League

Tra balli, smorfie, esultanze ed espressioni facciali, il 48enne inglese è uno tra i più bizzarri e divertenti arbitri di tutta Europa.

Mike Dean estrae un cartellino giallo

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

Mike Dean l'ha rifatto. Un altro "atto comico" durante una partita. Nel posticipo di ieri tra Southampton e Burnley, infatti, nell'assegnare ai padroni di casa un calcio di rigore, il direttore di gara ha sfoderato una delle sue perle

È il 66° minuto quando Gudmundsson atterra in area McQueen in maniera irregolare. Dean non ha dubbi e assegna il penalty, ma lo fa in una maniera alquanto bizzarra. In campo ovviamente nessuno lo nota, o forse non lo fa notare, ma nei social quel fermo immagine è già virale. La grande curiosità è che l'arbitro in questione non è nuovo a gesti del genere, tanto che in passato è stato visto esultare ad alcuni gol del Tottenham, estrarre cartellini rossi accompagnandoli con una strana mimica facciale o un'espressione impropria. 

Né la FA né la Football League si sono espresse in merito, non tanto per le sue espressioni che fanno parte di un personaggio che lui stesso nel tempo si è creato, ma per quelle che sembrano delle vere e proprie esultanze mentre convalidava i gol di alcune partite che ha arbitrato. Tra le altre cose, per quanto le sue presenze sui campi di Premier League siano frequenti, non è proprio ritenuto uno dei migliori nel suo ambito, anzi. A quanto pare però, le sue mancanze vengono compensate con gesti tanto evidenti quanto divertenti. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.