Liga, Suarez e Prandelli rialzano il Valencia: 2-1 allo Sporting Gijon

Una doppietta dell'ex centrocampista della Fiorentina regala al tecnico italiano i primi 3 punti della sua avventura spagnola. Di Castro il gol del provvisorio pari.

659 condivisioni 0 commenti

di

Share

Aveva chiesto intensità, ordine ed equilibrio, Cesare Prandelli, alla vigilia della sua prima da allenatore del Valencia. Nella sfida con lo Sporting Gijon, cioè tra terzultima e quartultima della Liga, queste caratteristiche si sono viste solo a tratti, ma sono state compensate dalla grande personalità e, soprattutto, dalla prima doppietta nel campionato spagnolo di Mario Suarez per il 2-1 finale. L'ex Fiorentina è l'eroe di giornata, che rende vano il pareggio Castro e regala a Prandelli un successo tutto a tinte viola al debutto. Un ottimo inizio per l'allenatore italiano, ma c'è ancora bisogno di lavorare, soprattutto a livello difensivo. Una partita "all'italiana", come il suo tecnico. Un successo che fa salire il Valencia a quota 9 punti dopo 8 giornate e raggiunge il Malaga. È un primo segnale di risveglio.

Primo tempo

Il Valencia parte bene, aggressivo a centrocampo. Prandelli schiera la squadra con il 4-2-3-1, la scelta sembra pagare. Dopo 7 minuti ecco il vantaggio: palla strappata sulla linea mediana, ripartenza micidiale con Rodrigo che si invola sulla fascia e crossa al centro. Il velo di Parejo è geniale e manda in tilt l'intera difesa dello Sporting Gijon. Mario Suarez arriva in corsa e conclude dal limite spiazzando Cuellar, che aveva scelto l'angolo alla sua destra. Il Valencia è già avanti. Subito dopo il gol, però, abbassa troppo il proprio baricentro. Lo Sporting tiene il possesso del pallone ma non riesce mai a rendersi pericoloso dalle parti di Diego Alves. Poche emozioni, ancora meno tiri in porta. Almeno fino al 41': Isma Lopez mette in mezzo dalla sinistra, Carlos Castro sfrutta la dormita generale, anticipa Santos e schiaccia dentro di testa. Per lui primo gol in stagione all'esordio da titolare (non giocava dall'inizio da 7 mesi). Mossa azzeccata quella di Abelardo, che riesce ad arrivare all'intervallo sul risultato di 1-1.

Secondo tempo

Il Valencia rientra col piglio giusto dagli spogliatoi. Per un quarto d'ora è padrona del campo. Prandelli è solo alla prima ma ha già trasmesso personalità ai suoi. I ritmi agonistici si alzano dopo l'ora di gioco. La posta in palio comincia a farsi sentire: le squadre si allungano, gli spazi aumentano, migliora di conseguenza lo spettacolo. Prandelli spedisce in campo Bakkali per Sante Mina al 65', è un cambio propiziatorio. Il Valencia segna una manciata di secondi dopo: punizione dalla trequarti di Parejo, sponda involontaria di testa di Sergio Alvarez ancora per Mario Suarez, che stoppa di petto e spara con il destro sotto la traversa. Il centrocampista festeggia abbracciando il suo tecnico. Il gol scioglie la squadra di Prandelli, che rischia poco e va vicina al terzo gol: al 74' Rodrigo scatta sul filo del fuorigioco, rientra sul sinistro, salta Mere ma spara fuori col mancino. Il Valencia gioca bene e addormenta il match. Lo Sporting invece perde i nervi e commette troppi falli ingenui. Gli assalti finale non portano a risultati. La formazione di Prandelli tiene e può esultare al triplice fischio dell'arbitro. È un buon giorno che si vede dal mattino.

La Classifica della Liga 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.