Aston Villa, Steve Bruce: "Qui i tifosi mi chiamavano Potato Head"

Il nuovo tecnico dei Villans, che in passato ha giocato e allenato i rivali del Birmingham City, ha svelato un particolare sui suoi nuovi tifosi in conferenza stampa.

Steve Bruce, nuovo allenatore dell'Aston Villa

75 condivisioni 0 commenti

di

Share

La giusta dose di ironia per cominciare al meglio la nuova avventura. Così Steve Bruce ha affrontato la sua prima conferenza stampa da allenatore dell'Aston Villa. Il manager inglese, subentrato a Di Matteo, ha il chiaro obiettivo di far risalire i Villans in classifica e portarlialla promozione al termine della stagione. Dopo la partenza a handicap, c'era bisogno di una scossa e il club si augura che l'ex Hull City sia l'uomo giusto per risollevare le sorti della squadra. 

Ho sempre ottenuto ottimi risultati con le altre squadre al Villa Park, spero di continuare questa striscia positiva. I tifosi qui mi hanno chiamato "Potato Head" (testa a patata, ndr) per quasi 20 anni, ma l'ho sempre preso come un complimento. Spero si dimentichino del mio passato al Birmingham e continuino a supportarci come hanno sempre fatto. Sui social ho visto commenti quasi esclusivamente positivi, il che mi ha rincuorato e fatto ben sperare per l'inizio di questa nuova avventura. 

L'esordio per Bruce avverrà questa sera, al Villa Park arriverà il Wolverhampton di Walter Zenga. Una delle pretendenti alla promozione e quindi una diretta concorrente. La nuova sfida dell'ex tecnico, tra le altre, di Sunderland, Wigan e Crystal Palace non poteva iniziare con un match più stimolante. 

Sono concentrato sul presente e sul futuro, del mio passato - conclude - Bruce - non ne voglio neanche parlare. Ho passato delle ottime annate al Birmingham, ma quando ho ricevuto la chiamata dell'Aston Villa non ho avuto dubbi sulla decisione da prendere. La rivalità c'era ma ormai sono passati diversi anni. Sono stato accolto benissimo al centro sportivo e sono sicuro che con i giocatori di qualità che già ci sono potremmo toglierci delle belle soddisfazioni. Dovremo cambiare mentalità e tornare a vincere, per il nostro bene, della società e dei tifosi. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.