Eurolega: Bargnani torna Mago e il Baskonia vola, Datome batte Melli

Il romano mette in luce tutto il suo talento e trascina i baschi alla Vittoria. Il Fener soffre contro il Bamberg. Vittorie anche per Panathinaikos e Barcellona.

165 condivisioni 0 commenti

di

Share

Nell'ultimo dei tre giorni della prima giornata di Eurolega vengono rispettati tutti pronostici della vigilia, seppur con qualche piacevole sorpresa. La prima riguarda i tedeschi del Bamberg che fanno tremare i vice campioni d'Europa del Fenerbahce. La seconda, invece, si chiama Navarro che, a 36 anni, è ancora capace di essere protagonista. Infine c'è Bargnani: la prima scelta al Draft 2006 segna 26 punti e regala la vittoria al Baskonia.

Unics Kazan-Barcellona 63-69

In una gara caratterizzata dai tanti errori e dalle basse percentuali al tiro, il Barcellona vince in rimonta sul campo dell'Unics Kazan per 69-63. I catalani devono molto all'immortale Navarro (36 primavere per lui), che nell'ultimo quarto trascina i suoi a un'insperata rimonta dal -15. Dopo un primo tempo di sostanziale equilibrio, nel terzo periodo i russi riescono a prendere qualche punto di vantaggio grazie alle corse di Colom e alla fisicità di Williams. Alla fine del periodo il tabellone dice 51-43 per l'Unics. All'inizio dell'ultimo quarto, poi, i padroni di casa toccano addirittura il +15. Coach Bartzokas corre ai ripari schierando La Bomba: Navarro prima mette 5 punti in fila che valgono il -2 (60-58) e poi mette una tripla in step back che vale il +4 e che mette la parola fine alla partita.

MVP della partita è Justin Doellman, autore di ben 23 punti. Ai padroni di casa non bastano i 14 punti di Langford e i 12 (più 15 rimbalzi) di Williams.

UNICS KAZAN: Langford 14, Williams 12, Ponkrashov 10

BARCELLONA: Doellman 23, Navarro 13, Tomic 13

Fenerbahce Istanbul-Brose Bamberg 67-66

Un Bamberg eroico e senza paura tiene testa ai vice campioni d'Europa del Fenerbahce, sfiorando addirittura l'impresa all'Ulker Sports Arena con un bomba forzata di Melli a 6 secondi dalla fine. Alla fine, però a spuntarla sono turchi che vincono 67-66. La partita si dimostra fin da subito equilibrata e combattuta. Nel primo periodo sono addirittura gli ospiti a condurre e chiudere in vantaggio (18-22). Nella seconda frazione, però, i turchi passano in vantaggio grazie a due bombe di un ottimo Pero Antic. Da qui in avanti è il Fener a condurre la partita, senza però riuscire mai a scappare e chiuderla. A 1' 22" dalla fine il Bamberg firma addirittura il sorpasso (65-66), grazie al 3/3 di Miller dal tiro libero, dopo un fallo di Datome. Sempre dal tiro della carità, Antic fa 2/2, portando di nuovo davanti i turchi. Il Bamberg avrebbe anche la palla della vittoria, ma Melli è costretto ad un tiraccio e ad esultare sono i padroni di casa.

Un Bogdanovic da 18 punti è stata l'arma in più dei turchi in una partita davvero sofferta e tirata. La sfida diretta tra gli italiani la vince Datome, con 7 punti (nonostante un 2/9 al tiro) e 5 rimbalzi in 26'. Per Melli, invece, i punti sono solo 5, ma con 12 rimbalzi e 3 assist.

FENERBAHCE: Bogdanovic 18, Vesely 10, Antic 10, Udoh 10

BAMBERG: Miller 17, Zizis 11, Theis 8, Heckmann 8

Panathinaikos Atene-Zalgiris Kaunas 84-76

A OAKA il dopo-Diamantidis comincia nel migliore dei modi per il Panathinaikos. Seppur privi di un giocatore importante come Mike James, i padroni di casa vincono 84-76 contro i lituani dello Zalgiris Kaunas, in una partita equilibrata e giocata sempre punto a punto. La squadra di coach Pedoulakis chiude il primo tempo sul +7 guidato da un buon Feldeine e dal tanto atteso Bourousis, tentando quindi un primo allungo. Un buonissimo terzo periodo dello Zalgiris (22-14 il parziale), però, riapre la partita. Ci pensano Pappas, Nick Calathes e Singleton a rimettere la partita sui binari del Pana, chiudendo il match a meno di 2 minuti dalla fine.

Mentre tutti aspettavano Bourousis, a trascinare i green ci ha pensato Pappas con 19 punti. Buona anche la partita di Singleton, autore di 13 punti e 7 rimbalzi.

PANATHINAKOS: Pappas 19, Singleton 13, Calathes N. 13, Bourousis 11.

ZALGIRIS: Motum 19, Jankunas 13, Lekavicius 12, Milaknis 11.

Baskonia Vitoria-Anadolu Efes Istanbul 85-84

Nella serata del ritorno a Vitoria di coach Perasovic, è il Baskonia a festeggiare. La squadra basca vince 85-84 contro l'Efes, in una partita dai ritmi elevati e giocata punto a punto. Succede tutto nel finale. A poco più di 3 minuti dalla fine i padroni di casa piazzano un mini parziale di 7-0, con Luz e Larkin, che potrebbe voler dire vittoria. L'Efes però non ci sta, e piazza il contro break di 4-0 con Thomas e Dunston. Dopo diversi giri in lunetta, si arriva all'84 pari a pochi secondi dalla fine. Shengelia, in isolamento, subisce fallo e fa 1/2 al libero. A 5" dalla fine coach Perasovic disegna lo schema che porta al tiro Cotton, ma la palla è fuori e a vincere è il Baskonia.

Il vero MVP della partita è Andrea Bargnani. Il romano torna Mago e con 26 punti (10/14 al tiro complessivamente) regala la prima vittoria agli spagnoli. 

BASKONIA: Bargnani 26, Shengelia 16, Voigtmann 12.

EFES: Brown 16, Osman 13, Cotton 13, Dunston 11.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.