Premier League, Koeman contro l'Irlanda: "Mi state ammazzando i giocatori!"

Il manager dell'Everton si è scagliato contro la nazionale di Martin O'Neill per la gestione di James McCarthy durante i match di qualificazione ai Mondiali.

Koeman, da quest'estate l'allenatore dell'Everton

224 condivisioni 0 commenti

di

Share

L'ennesima diatriba tra club e nazionali che rischia di protrarsi a lungo. A fronteggiarsi, questa volta, l'Everton, nella persona di Ronald Koeman, e la nazionale irlandese. Il tecnico dei Toffees è furioso per l'utilizzo di James McCarthy nel corso dei due match di qualificazioni ai Mondiali giocati dalla squadra di Martin O'Neill a cavallo dello scorso weekend. 

Il centrocampista era stato convocato nonostante il brutto stop dello scorso 20 agosto, un grave infortunio che lo aveva costretto all'operazione e gli aveva impedito di giocare per circa un mese e mezzo. Già al momento della convocazione, Koeman aveva definito ridicola e senza senso la decisione di O'Neill di chiamare un giocatore appena tornato ad allenarsi. 

Quando James è tornato lo staff dell'Everton mi ha riferito che il giocatore era molto stanco e che era stato sovraccaricato di lavoro. È incredibile. Non giocava da sei settimane e si era allenato appena tre volte con la squadra, che senso aveva convocarlo? E poi se sai che non è al 100% perché farlo giocare due partite quasi per intero? Impiegalo per 25, 30 o 40 minuti, ma non per due partite intere! Così è come uccidere il giocatore. La nazionale irlandese sa cosa penso riguardo a questa cosa e spero che in futuro si comportino meglio.

Per il futuro l'olandese confida nel buon senso dei commissari tecnici:

Evito io stesso di schierare i giocatori troppo prematuramente perché c'è il forte rischio di una ricaduta. Noi abbiamo chiesto a James se era pronto per scendere in campo, ma che lo fosse o no, sarebbe stato comunque impossibile per lui dire di no alla propria nazionale. Ho tanti giocatori impegnati con le nazionali ed è una cosa positiva, ma tante volte i ct dovrebbero mettersi nei nostri panni e capire certe situazioni. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.