Neville e quell'esultanza contro il Liverpool: "Avrei meritato 120 turni di squalifica!"

In vista del Monday Night tra Manchester United e Liverpool, l'ex capitano dei Red Devils ricorda l'esultanza sfrenata che nel 2006 gli costò una multa.

Gary Neville, ex capitano del Manchester United

980 condivisioni 0 commenti

di

Share

Dalle "120 giornate di Sodoma" dirette da Pier Paolo Pasolini alle 120 giornate... di squalifica per Gary Neville. Se le sarebbe meritate, l'ex difensore del Manchester United. Mica lo sosteniamo noi, eh. È stato lui stesso, medesimo, in persona, in carne e ossa ad ammetterlo. Vabbè, ma che avrà mai combinato la storica colonna dei Red Devils e della Nazionale inglese? Oggi, nulla. Dieci anni fa, qualcosa che è passato alla storia della Premier League. Ma soprattutto, dell'eterna sfida tra le due squadre più titolate d'Inghilterra: il suo Manchester United e il Liverpool. Toh, guarda caso proprio le due protagoniste dell'attesissimo Monday Night di questo lunedì.

Anfield Road si prepara ad aprire i cancelli al big match tutto in "red", uno scontro d'alta classifica tra la formazione di Jurgen Klopp (terza a 16 punti, alla pari dell'Arsenal e a due punti dal Manchester City capolista) e l'undici allenato da José Mourinho, più indietro al sesto posto con 13 punti. Vabbè, ma che c'entra ora Gary Neville e questa benedetta maxi squalifica?

SkySports.com

Vi ricorda qualcosa Manchester United-Liverpool del 22 gennaio 2006? Dai, la gara decisa al 90' di testa da Rio Ferdinand. In quel periodo la rivalità in campionato tra i due club era molto accesa, a fine stagione i Red Devils avrebbero poi strappato per un solo punto il secondo posto ai Reds (dietro al Chelsea campione). Capitano dello United, in quella partita, era proprio il maggiore dei due fratelli Neville. Protagonista in campo, assolutamente, ma soprattutto dopo il fischio finale per la sfrenata esultanza sotto il settore ospiti: salto coi pugni alzati al cielo, uno "yeeeeeees" prolungato e a tutto volume e lo stemma del Manchester United baciato con tutta la passione del mondo. Un gesto che costò a Gary 10 mila sterline di multa. Riguardando la scena, il motivo è ancora più facilmente intuibile...

Volete che un episodio simile non venisse ricordato nel Monday Night Football in onda sullo Sky Sports britannico, che ha messo di fronte lo stesso Neville a una bandiera del Liverpool come Jamie Carragher? Seduti uno accanto all'altro, le due leggende del calcio di Sua Maestà si sono divertiti a ricordare aneddoti e retroscena delle tante sfide giocate indossando le due maglie rivali. Arrivato proprio alla gara del gennaio 2006, Gary Neville ha ricordato:

A essere onesti, i tifosi del Liverpool mi rivolsero cori per tutta la durata dell'incontro. Così pensai: "Non si meriterebbe forse una ricompensa?". Fu proprio quel gol all'ultimo minuto, pazzesco. Fui multato di diecimila sterline.

La domanda di Carragher scatta automatica:

Pensi di essertela meritata?

C'era un tempo in cui Jamie Carragher e Gary Neville non erano proprio così amici...

Se pensate che Neville porti ancora rancore per quella decisione disciplinare, vi sbagliate di grosso:

Certo che sì, anzi... mi sarei meritato una squalifica di 120 giornate! Probabilmente è stato uno dei momenti più belli che io ricordi. Eravamo testa a testa quel periodo, non vincevamo il campionato da tre anni e quello fu uno dei momenti più grandiosi da due anni a quella parte. Ogni volta che segnavamo al Liverpool e si trattava di un rete vincente, io festeggiavo. Per me personalmente era così. Credo che Steven Gerrard abbia festeggiato poche volte di fronte ai tifosi dello United, Robbie Fowler lo fece senza dubbio e in quel caso potevi solamente incassare il colpo.

Insomma, un Gary nient'affatto pentito ma onesto nel riconoscere che la sanzione fu più che giusta. Chissà che il suo aneddoto non ispiri particolari esultanze ai Red Devils di oggi. Tanto per non fare nomi, a uno come Zlatan Ibrahimovic...

Vota anche tu!

Come finirà il Monday Night di Anfield Road?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.