Liga, Barcellona-Real Madrid: niente diretta TV in Inghilterra!

Oltremanica sarà impossibile vedere in diretta tv il Clasico del prossimo 3 dicembre: una vecchia legge vieta di trasmettere partite estere il sabato pomeriggio.

Uno dei tre gol dell'ultima sfida tra Barcellona e Real Madrid

844 condivisioni 0 commenti

di

Share

Non esistono eccezioni alle leggi nel Regno Unito. Nemmeno se di mezzo c'è il calcio, nessuno strappo alla regola anche quando si tratta del grande Clasico della Liga: Barcellona contro Real Madrid. La regola che vieta alle televisioni britanniche di trasmettere partite di calcio estero dalle 14.15 alle 17.15 del sabato, esistente dal 1960, impedisce ai telespettatori d'oltremanica di poter guardare in diretta la sfida tra Barça e Real in programma sabato 3 dicembre alle 15.15 (orario inglese).

Non è la prima volta che questo divieto miete "vittime" illustri, con il Clasico abbonato speciale visto che già nel 2014 vennero tagliati i primi 15 minuti della partita con calcio d'inizio alle 17.00 e quindi del debutto in Liga di Luis Suarez. L'anno scorso, invece, il match fu trasmesso direttamente in differita.

Real Madrid e Barcellona
L'eterna sfida tra Cristiano Ronaldo e Lionel Messi

Questa particolare e antica legge è stata creata per incentivare gli appassionati sportivi inglesi ad andare a sostenere la propria squadra allo stadio o comunque seguirla da casa davanti alla tv o al bar con gli amici. Non tutti però ovviamente sono d'accordo con questo divieto e già nel 2011 venne chiamata in causa la Corte di Giustizia Europea che pur non emettendo alcun provvedimento, affermò che la correlazione tra divieto e affluenza dei tifosi allo stadio non era mai stata matematicamente dimostrata

Barcellona-Real Madrid
Sergio Ramos, Dani Carvajal e Luis Suarez, che debuttò in Liga nel Clasico il 25 ottobre 2014

Anche la decisione di fissare la partita alle 15.15 (orario inglese) ha suscitato prevedibili polemiche, ma il presidente della Liga Javier Tebas ha subito preso la parola e motivato la decisione alla radio Cadena Ser:

Siamo ed eravamo a conoscenza di questo divieto ma questo orario ci sembra quello migliore. Le opzioni erano tre: a mezzogiorno, questa che abbiamo scelto e alle 17.30. La prima possibilità avrebbe scontentato il mercato americano perché troppo presto, l'ultima avrebbe reso infelice il popolo asiatico, così abbiamo scelto questo orario per il calcio di inizio

ha sentenziato il numero uno del campionato spagnolo. Insomma una decisione sofferta ma in linea con la strategia che sta dando frutti.

In questi ultimi anni abbiamo triplicato le vendite dei diritti televisivi a livello internazionale grazie alla strategia con cui stiliamo il calendario e ovviamente alla qualità dei calciatori che giocano nel nostro campionato. Abbiamo sempre il desiderio di migliorare e abbiamo già installato telecamere aeree in 7 stadi che entro la fine della stagione diventeranno 10.

Per l'eterna sfida tra Cristiano Ronaldo e Lionel Messi l'appuntamento è fissato a pochi giorni dopo, per la premiazione del Pallone d'Oro, altrimenti ci si può accontentare della differita. Il rischio spoiler è più vivo che mai, ma sicuramente in questi 56 anni i tifosi inglesi avranno tempo per trovare una soluzione.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.