Irlanda: perde un dito in allenamento e dice addio al calcio

Kevin McHugh, giocatore degli irlandesi del Finn Harps, ha annunciato il ritiro dal calcio giocato dopo aver perso un dito saltando una recinzione del campo di allenamento.

Kevin McHugh firma un nuovo contratto con il Finn Harps nel 2015

200 condivisioni 0 commenti

di

Share

Dire addio al calcio da un letto d'ospedale. Non proprio il congedo che si era immaginato Kevin McHugh, giocatore del Finn Harps, squadra militante nella serie cadetta irlandese, che qualche giorno fa ha subito un grave quanto insolito infortunio mentre stava svolgendo una sessione d'allenamento per alcuni bambini. Nel recuperare palloni e attrezzi, McHugh ha saltato una recinzione e una volta atterrato si è reso conto che la fede nuziale era rimasta incastrata nella rete causandogli il distaccamento del dito anulare. 

Quando ho appoggiato i piedi a terra dopo il salto, ho sentito che c'era qualcosa che non andava alla mia mano. L'ho guardata e ho visto che mi mancava un dito. Ho guardato i miei compagni e ho visto lo choc nei loro occhi. Sono corso verso la macchina e mi sono precipitato in ospedale. Il primo pensiero è andato ai miei figli, ho pensato che non avrebbero mai voluto vedere loro padre con la mano ridotta in quelle condizioni. 

Il giocatore ha poi raccontato con lucidità e nei minimi dettagli il suo viaggio in solitaria verso l'ospedale:

Mentre guidavo pensavo che i medici avrebbero potuto fare ben poco se non avessi portato la parte del dito mancante, così ho chiamato Mel (l'allenatore, ndr), gli ho chiesto di tornare al campo e recuperarlo. Mi ha chiesto se stavo delirando per il troppo sangue perso, ma io davvero avevo bisogno di quella falange. 

Una volta arrivato all'ospedale ed eseguite le visite del caso, i medici hanno constatato che il taglio era troppo netto e che purtroppo per Kevin non c'era più nulla da fare: 

All'ospedale si sono dimostrati sin da subito molto disponibili nei miei confronti, hanno fatto tutto il possibile per mettermi a mio agio nonostante fossi molto agitato. Avevo già pensato di farla finita con il calcio giocato al termine della stagione, ma questo episodio, mio malgrado, mi obbliga ad anticipare il tutto. 

Con ancora tre partite da giocare, il suo Finn Harps può dirsi matematicamente salvo con 9 punti di vantaggio sulla zona retrocessione. Per McHugh almeno la soddisfazione di aver aiutato i suoi compagni a mantenere la categoria. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.