Paul Gascoigne contro Liam Gallagher: una birra finita a pugni

Gascoigne e Liam Gallagher hanno riempito i tabloid inglesi degli anni '90 con le loro follie. Quando i loro spiriti caldi si sono scontrati, è servito l'estintore per raffreddarli.

734 condivisioni 1 commento

di

Share

Londra, 5 settembre 2006. Le persone camminano frettolosamente tornando verso casa o rintanandosi in qualche pub. Sembra una notte come tante altre, ma in un angolo della città sta per succedere qualcosa fuori dal normale. Nel quartiere di Soho, due amici si ritrovano al Groucho Club per chiacchierare di fronte a una birra. Non sono due persone qualsiasi, sono due icone inglesi degli anni '90, forse le due facce più rappresentative di quegli anni: Paul Gascoigne e Liam Gallagher, il cantante degli Oasis. 

L'amicizia tra i due risale ai tempi in cui il calciatore vestiva la maglia dei Rangers. Le loro vite sono state accomunate dallo stile aggressivo, dalle scelte sempre ai limiti del senso comune, dalla passione per l'esagerazione. Il cantante ha ricordato proprio quelle notti:

Lo incontravo quando giocava nei Rangers. Abbiamo passato un bel po' di notti insieme. Ne ricordo una con lui e, non mento, un pappagallo. Non chiedetemi cosa successe, ma c'è di mezzo una piscina. Gazza non era un'atleta, era una forza della natura.

Gascoigne ai Rangers
Gascoigne festeggia un goal con i Rangers

Paul Gascoigne è l'incarnazione del binomio genio e follia, dell'uomo costantemente sull'orlo del precipizio, pronto a spiccare il volo per poi precipitare. Per anni l'Inghilterra lo ha aspettato, ma purtroppo l'ex centrocampista è riuscito solo a sprazzi a mostrare il talento che lo contraddistingueva. Sprazzi di una luce abbagliante, in una carriera continuamente oscurata dall'ombra dell'alcolismo. Gazza è rimasto comunque un idolo per i tifosi d'oltremanica, tutti sperano che le sue condizioni migliorino dopo le spaventose apparizioni sui giornali degli ultimi mesi.

Liam Gallagher era il frontman degli Oasis, il gruppo di Manchester creato insieme al fratello Noel. Proprio il rapporto con quest'ultimo è stato spesso fonte di guadagno per i giornali scandalistici inglesi, che non perdevano occasione per tessere trame sull'ennesima lite in famiglia. Il cantante è stato arrestato per rissa in due occasioni, una volta in un hotel di Monaco di Baviera.

Il cantante degli Oasis
Liam Gallagher, ex frontman degli Oasis

La serata tra due persone del genere poteva scorrere tranquillamente? Bastano poche birre perché la situazione prenda una brutta piega. Da un momento all'altro, i due iniziano a prendesi a pugni dentro il locale, senza preoccuparsi degli altri clienti né dell'arredamento. La rissa non si arresta dopo i primi colpi, anzi, i due continuano a far volare pugni e calci, fin quando Liam non decide di spegnere - letteralmente - l'ira di Paul usando l'estintore.

Il motivo della rissa

Ok, Gascoigne e Liam Gallagher sono due dal sangue caldo, spontanei, senza peli sulla lingua. Ma perché iniziarono a picchiarsi? Ci sono due diverse teorie. Una che incolpa Liam, un'altra il calciatore. Secondo la prima ipotesi, Liam avrebbe scherzato troppo a lungo sulla figlia adottiva di Gascoigne, Bianca, vincitrice della versione inglese dell'"Isola dei Famosi" e presunta fidanzata di Calum Best, figlio della stella del Manchester United. Secondo l'altra versione, invece, il cantautore era impegnato a mangiare una zuppa quando Paul gli si avvicinò facendo una battuta sulla canzone "Roll with it", chiedendogli se voleva "lasciarsi andare" con quella (la zuppa). L'unico elemento che coincide, in entrambe le storie, è la conclusione: Gallagher ha "spento" Gascoigne con l'estintore.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.