Eurolega al via: ecco i protagonisti della nuova stagione

A poche ore dall'inizio della nuova stagione europea di basket, scopriamo chi sono le stelle, le scommesse e i giocatori da tener d'occhio nella prossima Eurolega.

20 condivisioni 0 commenti

di

Share

La nuova Eurolega è ormai alle porte, in esclusiva su Fox Sports le 16 migliori squadre d’Europa sono pronte a sfidarsi in un vero e proprio campionato di 30 partite tra andata e ritorno. Ogni formazione ha in roster uno o più fenomeni, ovviamente non sono tutti dello stesso livello. Andiamo allora a scoprire quelle che sono le vere superstars della prossima Eurolega. Non solo, individueremo anche le scommesse del mercato, quei colpi che possono rivelarsi ottimi affari o grandissimi flop. Infine vedremo quali sono i baby gioielli che si apprestano ad avere ruoli importanti in questa Eurolega e che sono assolutamente da tenere d'occhio.

Superstar

Nando De Colo (CSKA)

Nando De Colo, stella del CSKA Mosca

Francese, classe '87, Nando De Colo non ha bisogno di presentazioni. È "solo" l'MVP dell'ultima stagione. Un'annata perfetta la sua, il CSKA ha vinto l'Eurolega 2016 dopo una stagione al limite della perfezione. Ma il francese, oltre all'Euroleague e al titolo di MVP, si è portato a casa anche l'Alphonso Ford Trophy, il premio di miglior marcatore della competizione (18.1 di media!), e il titolo di MVP delle Final Four di Berlino. En plein di riconoscimenti, insomma. In estate è stato ad un passo dal ritorno in NBA, ma il progetto CSKA (e anche un ingaggio monstre) lo ha convinto a rimanere per dimostrare che la stagione scorsa non è stata solo fortuna. Ah, ricordiamoci che a dargli man forte ci sarà un certo Milos Teodosic...

Vassilis Spanoulis (Olympiacos)

Vassilis Spanulis, stella dell'Olympiacos

Arrivato alla settima stagione con la maglia biancorossa dell'Olympiacos, Vassilis Spanoulis è uno dei giocatori più forti e talentuosi della nuova Eurolega. Il greco vanta un palmares di tutto rispetto: 3 Eurolega, 7 campionati greci, 4 Coppe di Grecia, 1 argento mondiale, 1 oro e 1 bronzo agli Europei, 1 titolo di MVP dell'Eurolega, 3 volte MVP delle Final Four. Un curriculum niente male. Dopo una stagione europea da "soli" 11 punti a partita, in cui il suo Olympiacos si è fermato alle Top 16, V-Span tenterà di portare al Pireo la quarta Eurolega della storia del club. A 34 anni potrebbe essere una delle ultime grandi possibilità di rivincere l'Eurolega. Per riuscire nell'impresa, Spanoulis può contare su gente come Printezis, Hackett e Green

Keith Langford (Unics Kazan)

Keith Langford, stella dell'Unics Kazan

Keith Langford è uno di quei giocatori che vorresti sempre dalla tua parte e mai contro. Prodotto di Kansas University, viene portato in Europa nel 2006 da Soresina, dove chiude la stagione con quasi 20 punti ad allacciata di scarpa. Successivamente, sempre in Italia, veste le maglie di Biella e Virtus Bologna (con cui vince l'Eurochallenge). Sono poi arrivate le squadre importanti e i grandi palcoscenici: Khimki Mosca, Maccabi Tel Aviv e Olimpia Milano (con cui si aggiudica l'Alphonso Ford Trophy nel 2014). Da due anni è il leader dell'Unics Kazan, con cui ha chiuso l'ultimo campionato, in Russia, ad oltre 21 punti a partita. Il ragazzo di Forth Worth dimostrerà ancora a tutti il suo valore. 

Scommesse

Andrea Bargnani (Baskonia)

Andrea Bargnani, nuovo giocatore del Baskonia

Prima scelta assoluta al draft NBA del 2006, oltre 7700 punti in NBA in 10 stagioni, 41 punti come career high. Non servono altre parole per spiegare chi è Andrea Bargnani. Dopo 10 anni il Mago torna in Europa, archiviate le ultime due esperienze negative di New York e Brooklyn, fatte di tante critiche e infortuni. Il Baskonia ha deciso di puntare su di lui per provare a centrare ancora le Final Four. Bargnani, dal canto suo, dovrà mettere a tacere i tanti scettici e dimostrare di essere un giocatore do caratura mondiale.

Charles Jenkins (Stella Rossa)

Charles Jenkins, di ritorno alla Stella Rossa

Dopo una stagione, tra l'altro piuttosto deludente, Charles Jenkins torna a vestire la maglia della Stella Rossa, la squadra che lo ha portato in Europa. A Milano, Jenkins, non si è mai ambientato, sia nella città che nella squadra. A Belgrado vuole tornare ad essere un trascinatore, visto anche che sarà anche uno dei giocatori più anziani (nonostante sia solo un classe '89). Il nuovo inizio non è stato dei migliori, il buon Charles ha deciso di saltare i primi giorni di allenamento a causa di alcune divergenze con la società. Di solito si dice che le minestre riscaldate non siano le migliori. Vedremo se questa sarà "gustosa" o indigesta.

James Nunnally (Feberbahce)

James Nunnally, ultimo acquisto del Fenerbahce

È l'MVP dell'ultimo campionato in Italia. Protagonista con la maglia di Avellino, squadra che ha trascinato fino alla semifinale scudetto. Abituato ad un ruolo da protagonista e da realizzatore puro. Saprà adattarsi ad una squadra dove il talento non manca e i realizzatori nemmeno?

Da tenere d'occhio

Luka Doncic (Real Madrid)

Luka Doncic, stellina del Real

Prospetto dal talento cristallino. Sloveno, classe '99, si era già messo in mostra sul finire della passata stagione. Quest'anno è già partito col botto: nell'ultima partita di Liga, contro Valencia, ha chiuso con 8 punti e 18 di valutazione (e il 100% al tiro) in meno di 13 minuti in campo. Volete scommettere che diventerà una superstar?

Furkan Kormaz (Efes) 

Furkan Korkmaz, talento dell'Efes

Turco, classe '97, scelto da Philadelphia al draft NBA 2016 con la chiamata numero 26. Già quasi 5 punti nell'ultimo campionato turco. Ha deciso di rimanere un'altra stagione in Turchia, all'Efes, per andare oltreoceano da protagonista. 

Borisa Simanic (Stella Rossa)

Borisa Simanic, baby talento della Stella Rossa

209 fatti di velocità e di colpi di classe. Nato nel 1998, Simanic avrà spazio in una Stella Rossa giovane e dinamica. Ha partecipato al Basketball Whitout Borders Global Camp, a Toronto, durante l'All Star Game dell'NBA e ha guidato la Stella Rossa alla vittoria dell'Adidas Next Generation Tournament, diventandone anche l'MVP. Basta come biglietto da visita?

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.