La Top 50 degli Under 21 (quarta parte): gli esterni d'attacco

Continua il nostro approfondimento sugli Under 21 più forti del mondo: ecco dieci esterni offensivi destinati a diventare dei campioni nel prossimo futuro.

Leroy Sané, è passato in estate dallo Schalke al Manchester City.

378 condivisioni 0 commenti

di

Share

Un tempo erano i 7 e gli 11. Oggi i numeri sulle maglie sono cambiati, si va dal 14 di Keita al 29 di Coman, passando per il 20 di Pjaca, ma la sostanza è rimasta la stessa. Stavolta parliamo di corsa, dribbling, fantasia e ripiegamenti difensivi, come le recenti tattiche del calcio impongono. Parliamo dei migliori dieci esterni d'attacco che non hanno ancora compiuto 22 anni.

Leroy Sané (11-01-1996)

A 20 anni è già nel giro della nazionale maggiore tedesca e ha una valutazione di 50 milioni di euro. Tanto è costato al Manchester City, che in estate lo ha strappato dallo Schalke. Esterno molto offensivo, può giocare su ambo i lati nonostante preferisca partire a destra per poi rientrare sul suo piede preferito, il mancino.

Sané.Copyright GettyImages
Leroy Sané in Manchester City-Bournemouth.

Julian Brandt (02-05-1996)

Altro calciatore appartenente alla lunga lista di talenti sfornati dalla Germania nell'ultimo periodo. Esterno sinistro del Bayer Leverkusen, che lo ha acquistato dal Wolfsburg nel 2014 per 350mila euro, Brandt può giocare anche come trequartista grazie alla sua struttura fisica e alle sue importanti qualità tecniche, come il dribbling e il tiro dalla distanza.

Brandt.Copyright GettyImages
Julian Brandt, esterno del Bayer Leverkusen.

Ousmane Dembélé (15-05-1997)

I dodici gol realizzati con la maglia del Rennes, alla prima stagione da professionista, gli sono valsi l'interesse di tutti i top club europei. Ad acquistarlo ci è riuscito il Borussia Dortmund, che ha ufficializzato l'accordo a sorpresa quando tutti pensavano che il giocatore sarebbe finito al Barcellona (i blaugrana avevano già trovato l'accordo coi rossoneri). Paragonato spesso a Sterling, è il pupillo dell'ex difensore del Manchester United Mikael Silvestre – oggi consigliere del presidente del Rennes – che ne ha seguito la crescita.

Dembélé.Copyright GettyImages
Dembélé (a destra) festeggia col suo compagno di squadra Aubameyang.

Kingsley Coman (13-06-1996)

Vecchia conoscenza del calcio italiano, ha militato nella stagione 2014-15 nelle file della Juventus, con cui, nell'anno del triplete sfiorato, ha collezionato 20 presenze. Troppo poche per Coman: il calciatore, che aveva lasciato il PSG per lo stesso motivo, ha così chiesto e ottenuto la cessione, accettando il trasferimento al Bayern Monaco. 34 partite disputate e 6 gol fatti al primo anno; in questa stagione, finora, è partito da titolare soltanto in due occasioni.

Coman.Copyright GettyImages
Kingsley Coman durante Francia-Portogallo, finale di Euro 2016.

Marko Pjaca (06-05-1995)

La cessione di Coman, seppur ben pagata (7 milioni per il prestito, 21 per il riscatto), aveva lasciato l'amaro in bocca ai tifosi della Juventus per le qualità potenziali del francese. Con Pjaca, però, la linea verde dei bianconeri sembra tornata al sicuro: il croato visto a Euro 2016 sembra un calciatore già formato, a cui basta veramente poco per arrivare al livello dei più grandi. Attualmente più ala sinistra che seconda punta, ha nelle sue caratteristiche una grande velocità e un ottimo dribbling e si fa notare anche per il sacrificio in fase difensiva.

Pjaca.Copyright GettyImages
Pjaca rincorso da Bittante durante Juventus-Cagliari.

Munir El Haddadi (01-09-1995)

Protagonista della vittoria nella Youth League del Barcellona con 11 reti totali, tra le quali una doppietta in finale contro il Benfica, nella stagione successiva si è fatto vedere anche nel mondo dei grandi, mettendo la firma con un gol nella prima gara giocata in Liga. Per caratteristiche ricorda Bojan Krkic, come lui può giocare sulla fascia o da finto nueve. Da quest'anno è in prestito al Valencia, che potrà riscattarlo a fine stagione per 12 milioni (il Barça si è riservato il diritto di recompra).

Munir.Copyright GettyImages
Munir con la maglia del Barcellona.

Santi Mina (07-12-1995)

Compagno di squadra di Munir al Valencia, è stato una delle poche note positive dell'ultima stagione dei pipistrelli. Autentica rivelazione del campionato 2014-15, quando col Celta Vigo realizzò sette gol, è un esterno d'attacco che preferisce partire dalla fascia mancina per sfruttare un piede destro molto educato.

Mina.Copyright GettyImages
Santi Mina in azione contro Damian del Getafe.

Keita Baldé (08-03-1995)

Seppur vicinissimo alla cessione in estate, quando il giocatore decise di disertare il ritiro, alla fine del mercato è rimasto alla Lazio. Il tecnico Simone Inzaghi stravede per lui, ha deciso di puntarci ancora e di conseguenza è tornato a essere uno degli elementi imprescindibili dei biancocelesti. Due gol e due assist in cinque partite giocate finora e un'intesa con Immobile che fa ben sperare per il resto della stagione.

Keita.Copyright GettyImages
Il primo gol della stagione 2016-17 di Keita.

Jordon Ibe (08-12-1995)

Di proprietà del Liverpool dal 2012, ma in prima squadra solo dal 2015, non è riuscito a convincere pienamente Klopp che ha preferito investire sull'acquisto di Mané piuttosto che scommettere nuovamente su di lui. Il Bournemouth ha fiutato l'affare e lo ha comprato per 18 milioni: ora ha l'occasione di dimostrare le sue qualità allo scettico tecnico tedesco.

Ibe.Copyright GettyImages
Ibe tenta una giocata.

Mikel Oyarzabal (21-04-1997)

Ala mancina, alla sua seconda partita da titolare ha firmato il primo gol in Liga, mentre alla terza ha siglato la prima doppietta. Sei, alla fine, sono stati i gol realizzati nella stagione dell'esordio tra i grandi: veramente un ottimo risultato, considerato anche che la prima convocazione era arrivata alla fine di ottobre. Scoperto da Moyes, è letteralmente esploso con Eusebio Sacristan in panchina, che gli ha dato fiducia e lo ha inserito nella formazione titolare.

Oyarzabal.Copyright GettyImages
Oyarzabal con la divisa della nazionale spagnola.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.