Ter Stegen e i suoi fratelli, quando il portiere esagera col dribbling

Di errori come quello commesso da Marc-André Ter Stegen in Celta-Barcellona ne sono stati commessi molti, ecco la classifica dei 10 più clamorosi (e divertenti).

Ter Stegen

151 condivisioni 0 commenti

di

Share

Il suo erroraccio contro il Celta Vigo è costato al Barcellona le speranze di rimonta in una gara già ampiamente compromessa, e a lui la crocifissione virtuale in sala mensa. A discolpa di Ter Stegen, si potrebbe dire che simili svarioni sono un rischio del mestiere, quando interpreti il ruolo come il calcio moderno richiede, ossia quasi come un libero aggiunto; e che, in ogni caso, il tedesco è in ottima compagnia, come si evince dalla nostra lista dei 10 peggiori errori in disimpegno coi piedi da parte dei portieri:

10. Joe Lewis

Bei tempi, quando i portieri potevano raccogliere i retropassaggi con le mani. Lo avrà pensato Joe Lewis, portiere dell'Aberdeen, subito dopo aver estromesso i suoi dall'Europa League 2016-17 grazie alla sua pregevole ciccata. Dall'inquadratura frontale si può apprezzare come Lewis non sia nemmeno andato vicino a colpire il pallone, anche a causa di un rimbalzo velenoso.

9. Manuel Neuer

Manuel Neuer è diventato il miglior portiere del mondo anche grazie alla sua baldanza con la palla tra i piedi. Solo che qualche volta esagera: in questo caso, fu Marco Reus, all'epoca ancora al Gladbach, a ringraziare sentitamente. 

8. Daniele Padelli

Il primo italiano in classifica è Daniele Padelli, che con questo delizioso autogol decise la sfida tra Torino ed Empoli nel maggio del 2015.

7. Marc-André Ter Stegen

E purtuttavia, se non è la prima volta che combini un disastro simile, vedasi amichevole Usa-Germania 4-3 del 2013, allora qualche problema devi pur avercelo.

6. Victor Valdes

Farsi fregare la palla da un avversario e prendere gol è dura da digerire, figuriamoci quando succede in un clasico contro il Real Madrid.

5. Andrea Consigli

Se la scuola tedesca pare avere un debole per i rinvii sbilenchi e gli stop sbagliati, quella italiana risponde con dei portieri che infilano direttamente la propria porta. Dopo Padelli, ecco Consigli.

4. Oliver Kahn

Grazie a questa svirgolata d'altri tempi, nella fase a gironi della Champions League del 1997-98 Oliver Kahn regalò al Goteborg la vittoria per 1-0 sul campo del suo Bayern Monaco. Certo, nulla in confronto alla papera che costò ai tedeschi il Mondiale del 2002, non in classifica poiché non effettuata coi piedi ma con tutto il resto del corpo (petto, braccia, mani, faccia).

3. Abdulaziz Al Qahtani

Un nuovo livello di goffaggine si raggiunge grazie a questo portiere del campionato saudita, che non si limita a stoppare male il pallone coi piedi, ma decide di buttarlo in porta con un colpo di tacco no-look. Podio meritatissimo.

 

2. Victor Valdes

Farsi fregare la palla da un avversario e prendere gol è dura da digerire, figuriamoci quando succede in un clasico contro il Real Madrid, e per la seconda volta nel giro di pochi mesi (vedi numero 6).

1. René Higuita

In vetta non poteva che esserci lui, l'archetipo di tutti i portieri dribblatori. René Higuita è stata una delle grandi icone del calcio sudamericano degli anni Ottanta e Novanta: per quel suo faccino pulito, per il celeberrimo "colpo dello scorpione", per le sue amicizie non esattamente ordinarie (vedi Pablo Escobar). E soprattutto per il vizio di giocare più fuori che dentro l'area di porta. Nel 1989 osò perfino scartare Marco Van Basten nel corso della Coppa Intercontinentale tra Milan e Atletico Nacional. Qualche mese dopo gli andò decisamente peggio, quando durante l'ottavo di finale dei Mondiali 90 tra Camerun e Colombia provò a dribblare così Roger Milla. Una follia che i cafeteros pagarono con l'eliminazione e che per il suo peso specifico merita il primo posto nella nostra graduatoria.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.