Bundesliga, Bayern Monaco-Colonia 1-1: Modeste rovina l'OkBAYERNfest

Dopo le 5 vittorie nelle prime 5 di Bundesliga, i bavaresi impattano contro i Caproni di Stöger: sblocca il "solito" Kimmich, poi il pari acrobatico di Modeste.

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

Mettiamola così: Carlo Ancelotti si è salvato. Domani, in occasione della tradizionale visita del Bayern Monaco all'Oktoberfest, non sarà costretto a onorare la promessa fatta nella conferenza pre-partita:

Se vinciamo, bevo tre birre... forse anche quattro!

L'1-1 contro il Colonia eviterà così la sicura sbronza al tecnico italiano. Ma gli impedisce anche di festeggiare la sesta vittoria nelle sei giornate iniziali di Bundesliga: il record di Andre Schubert e Willi Entermann rimane così ineguagliato dall'allenatore di Reggiolo. A nulla vale il campo rizollato, come richiesto da Ancelotti. A pesare forse è il massiccio turnover: ben sette undicesimi nuovi rispetto alla gara del Vicente Calderon.

Dopo il ko (il primo stagionale) maturato in Champions League contro l'Atletico Madrid, tutti in Germania si aspettavano il ritorno al successo della capolista. Tutti tranne chi confidava nelle potenzialità della formazione di Peter Stöger: terzi in classifica a inizio giornata e seconda migliore difesa del campionato, i Caproni fermano i campioni di Germania e per poco non centrano un successo storico. In classifica, il Bayern Monaco rimane in testa con 16 punti, il Colonia risponde al Lipsia a quota 12.

Primo tempo

"La sblocca sempre lui", il coro ormai è pronto. Già, perché puoi chiamarti Arjen Robben (alla prima da titolare dopo 210 giorni) e provarci da fuori al 16' e al 21', puoi rischiare di abbattere la porta come Rafinha e il suo destro di poco alto dopo 19 minuti oppure puoi staccare di testa da posizione ravvicinata come Hummels al 25'. Ma in questo momento, a trovare la rete del vantaggio non poteva che essere lui, Joshua Kimmich. Dopo il gol vittoria in casa dell'Amburgo nella scorsa giornata, il giovane tuttocampista ha siglato un altro dei suoi pesantissimi centri: sul cross di Bernat dalla destra, al 40', il tuffo del classe '95 è imparabile per Timo Horn. Terza marcatura in sei giornate, sesta stagionale: a Kimmich piace segnare e i numeri lo dimostrano.

Il suo è l'acuto che permette al Bayern di rientrare negli spogliatoi da leader del tabellino, dopo un'intera frazione da padroni del campo. Che fosse durissima sfondare il muro del Colonia era abbastanza prevedibile: seconda migliore difesa del torneo (2 gol incassati, solo uno in più dei bavaresi) e 90% di parate per il proprio numero uno (meglio solo Neuer con il 91,7%). I Geißböcke lasciano il completo possesso palla all'undici di Ancelotti per concentrarsi esclusivamente nella difesa della propria area. Curiosa allora la circostanza che il primo tiro in porta (debolissimo, per carità) arrivi dopo 23 minuti proprio per mano del giapponese Osako. Per il resto, solo Bayern. Anche dopo la rete di Kimmich: se Lewandowski avesse festeggiato la 200esima in Bundesliga segnando di tacco volante al 45', i tifosi avrebbero probabilmente abbandonato gli spalti per invadere increduli il campo.

Secondo tempo

L'acrobazia vincente però non riesce a Lewa, ma al suo alter ego del Colonia. Minuto 63, Risse scodella in mezzo verso Anthony Modeste, tenuto in gioco da Hummels: Neuer è malfidato, non crede che il francese possa arrivare sul pallone e parte verso il centro dell'area per raccogliere il pallone. Modeste, però, la sfera la colpisce: gamba distesa fino in cielo e pallone in porta. Quinto gol in campionato, proprio come Lewandowski e Aubameyang: l'attaccante originaria della Martinica raggiunge i due big in vetta alla classifica marcatori.

Per il Bayern il pareggio è una vera e propria doccia fredda, altro che: dopo il palo colpito di testa da Javi Martinez qualche minuto prima, il raddoppio sembrava scontato. Sul 2-0 invece rischia di portarsi la formazione di Stöger: al 71' solo la bandierina del guardalinee strozza in gol l'urlo di gioia di Osako. Ancelotti gioca le carte dalla panchina e chiama alle armi sia Vidal che Alaba. Ah, a inizio ripresa era entrato in campo anche Thomas Müller. Al 77' se ne accorge Timo Horn: piattone a botta sicura del numero 25 dei Roten, il portierone devia coi pugni sulla traversa e salva il risultato. Müller scuote mani e capo, è incredulo: a impedirgli di sbloccarsi finalmente in campionato è un vero e proprio miracolo. All'86' invece è Bernat a disperarsi: sinistro imparabile da fuori area, ma il palo salva il Colonia. I rimpianti maggiori, però, sono tutti per i Caproni: al 91' Zoller spedisce fuori un'involata che gridava solamente vittoria. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.