Formula 1, in Malesia sfida Mercedes: Rosberg per allungare, Hamilton c'è

Sul circuito di Sepang si rinnova il duello tra Nico e Lewis. Entrambi i migliori nelle prime libere, Vettel attardato. Ma spera di trionfare come lo scorso anno...

Immagine del GP della Malesia

21 condivisioni 0 commenti

di

Share

È la prima gara della verità tra Nico Rosberg e Lewis Hamilton. Un duello a tutta velocità che li porterà fino alla fine del Mondiale. Otto i punti di distacco in classifica tra i due, ecco perché il Gran Premio della Malesia è il primo round di una battaglia iniziata a fine stagione, continuata fin qui, ma che ora chiede un vincitore.

Il circuito

A Sepang si corre da 18 anni. La Ferrari ha fatto festa 7 volte e raccolto 13 podi. Schumacher, Irvine, Raikkonen, Alonso e Sebastian Vettel. Il tedesco, nel 2015, proprio qui vince il suo primo gran premio in rosso. Caldo umido, sembra di essere ancora a Singapore. Soffrono le auto, soffrono i piloti. La scelta delle gomme sarà determinante, l’asfalto (rinnovato qualche mese fa) supera i 50 gradi di temperatura. 5,5 chilometri, 15 curve, la parte finale del tracciato quella più veloce. Due rettilinei paralleli uniti da un tornante, qui in tanti pensano di poter fare la differenza. Lo scorso anno primo Vettel, poi Hamilton (partito in pole) e terzo Rosberg.

Le prime libere

Che i primi chilometri siano di fuoco lo si capisce anche dalla Renault di Kevin Magnussen. Ai box per un problema di alimentazione, l’abitacolo va in fiamme. Il danese salta fuori dalla vettura senza problemi, ha accusato solo un po’ di spavento mentre i meccanici con gli estintori spengono l’incendio. Bandiera rossa per qualche minuto, poi si inizia a fare sul serio.
Rosberg va subito veloce con le soft, Hamilton insegue con le medie. Già si capisce chi comanda a Sepang con le Ferrari e le Red Bull che inseguono. Dopo la fine della seconda sessione di libere c’è invece Hamilton davanti, poi Rosberg e terzo Vettel. È il tedesco della Mercedes il primo a parlare delle prime sensazioni:
L’asfalto è cambiato molto, c’è più grip, bisogna adattarsi. Le gomme? Devo informarmi bene per fare un weekend perfetto. Dai box mi dicevano di fare attenzione a non scaldare troppo i pneumatici. 
Hamilton risponde a distanza, si legge in viso che ha voglia di recuperare quel gap di 8 punti in classifica:
Oggi non abbiamo avuto problemi e siamo riusciti a girare tanto. Va bene così, testa a domani con le qualifiche.

Sogno Vettel

Seb vuole bissare il successo della passata stagione. Sarebbe un grande risultato in vista dei test invernali e dunque per il futuro. E dopo le libere le sue parole trasmettono fiducia:
Le Mercedes vanno sempre tanto forte, sia sui giri secchi che sulla lunga distanza. Noi dobbiamo migliorare ma lo dico chiaro: puntiamo sempre a vincere. Se c’è una possibilità dobbiamo essere pronti a coglierla.

Strategia

Il GP di Sepang è il classico esempio di come un tracciato vada studiato al dettaglio, pensando a tutto. La Ferrari di Vettel nel 2015 vince con due soste (gomme medie in partenza e al giro 17) e hard alla tornata 37. Hamilton invece ha pagato i 3 pit stop: partito dalla pole arriva solo secondo. Il Cavallino vuole insidiare le Frecce d’Argento ragionando soprattutto dai box.

Classifica piloti

  1. Rosberg (Mercedes): 273
  2. Hamilton (Mercedes): 265
  3. Ricciardo (Red Bull): 179
  4. Vettel (Ferrari): 153
  5. Raikkonen (Ferrari): 148
  6. Verstappen (Red Bull): 129
  7. Bottas (Williams): 70
  8. Perez (Force India): 66
  9. Hulkenberg (Force India): 46
  10. Massa (Williams): 41

Classifica Team

  1. Mercedes: 538
  2. Red Bull: 316
  3. Ferrari: 301

Il programma

Alle 11 di sabato via alle qualifiche. Domenica 2 ottobre invece, semaforo verde per la partenza del Gran Premio. Dopo la Malesia mancheranno ancora 5 gare: tutte hanno il sapore della verità.
 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.