Schalke, tutti ti sfottono: in 33mila ne celebrano la retrocessione

Lo Schalke non ha ancora raccolto punti in Bundesliga, sui social non si frenano gli sfottò. E perfino Kevin Grosskreutz partecipa con frecciate alla squadra rivale.

Lo Schalke ha cominciato la stagione come peggio non si poteva. E i tifosi avversari ne approfittano

724 condivisioni 0 commenti

di

Share

Lo Schalke è da sempre la squadra che maggiormente viene presa in giro dai tifosi avversari. Ogni anno fa grandi proclami, alla fine non vince mai. O peggio: le poche volte che vince viene comunque sbeffeggiato come successo nel 1997. Lo Schalke vinse la Coppa Uefa, il Dortmund, pochi giorni dopo, la Champions League. Ora il club di Gelsenkirchen è in grande difficoltà. In estate ha investito molto, volevano rilanciarsi con acquisti di grido. Konoplyanka, Coke e Baba, tanto per fare qualche nome. Ma non si sono inseriti. E lo Schalke le sta perdendo tutte, una dopo l’altra. Al punto che in classifica è ancora a quota 0.

La classifica della Bundesliga è impressionante. I disastrosi risultati del club sono una calamita per quei tifosi che hanno una voglia matta di sfottere la squadra più sfortunata di Germania. Ecco allora che è stato creato un gruppo Facebook apposito per festeggiare la retrocessione dello Schalke. Una goliardata, è evidente, alla quale però hanno aderito già 33mila persone. All'interno battute del tipo: come si riconosce un Dalmata di Gelsenkirchen? Semplice, non ha i punti (neri)...

Il vip

Anche Kevin Grosskreutz ha aderito al gruppo. Lui, campione del mondo nel 2014, è tifosissimo del Borussia Dortmund, e quando c’è da prendere in giro lo Schalke non si tira mai indietro. Quando il club di Gelsenkirchen riuscì a battere l’Inter per 5-2 a San Siro, lui, su domanda di un giornalista, rispose seccato

No, non ho visto la partita. Mi hanno detto però che l’Inter ha giocato di schifo e che ieri avrebbe perso contro chiunque.

Non poteva ammettere che lo Schalke avesse giocato bene. O ancora, quando Timo Werner, suo compagno di squadra allo Stoccarda, si è trasferito in estate al Lipsia definendolo “un club che avrà tradizione”, Grosskreutz gli ha risposto pubblicamente con una battuta:

Il Lipsia avrà una tradizione quando quelli di GE vinceranno il campionato: mai.

Kevin non voleva pronunciare Gelsenkirchen, e si è fermato alle prime due lettere, ma anche qua la frecciata era chiara e ha fatto centro. Ma ormai si sa: lo Schalke è la squadra che calamita su di sé gli sfottò di tutto il paese.

La classifica della Bundesliga

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.