Samuele Papi, prima stagione da libero: "L'importante è trovare feeling"

Prima stagione da libero per Samuele Papi che sarà il vice di Loris Manià. Per lui qualche presenza nella scorsa stagione ma solo in una fase di emergenza

Papi, schiacciatore che con la maglia azzurra h vinto 2 titoli Mondiali

97 condivisioni 0 commenti

di

Share

Prima stagione nel ruolo di libero per Samuele Papi. La carriera del numero 6 azzurro inizia nel lontano campionato 1990-1991 quando a soli 17 anni esordisce in serie A1 con la maglia di Falconara. Il pallone è ancora bianco, non esiste il libero e si può fare punto solo sul proprio servizio: reminiscenza di una pallavolo di altri tempi, un po' come se a scuola si parlasse di dinosauri. Un palmares a cui manca solo la vittoria all’Olimpiade ma la volontà di togliersi ancora qualche soddisfazione come ha fatto trasparire da una sua intervista rilasciata a Sportpiacenza.it.

Quest’anno a quarantatre anni “O fenomeno”, come viene soprannominato nell’ambiente, ha deciso di provare a fare il libero.“Ho deciso di fare il libero perché nei fondamentali di prima linea faccio fatica – ha confessato Samuele – Prima Piacenza mi ha convinto a restare e allora poi ho deciso di mettermi a disposizione della squadra, di non essere ingombrante e rubare un posto nella rosa come schiacciattore e quindi di fare il libero. Mi piacerebbe essere utile nel caso in cui dovessi essere chiamato a scendere in campo al posto del libero titolare, Loris (Mania, ndr)”.

Samuele Papi in attacco con la maglia della nazionale
Samuele Papi schiaccia con i colori azzurri

Già nella passata stagione, per emergenza, Papi era stato chiamato a ricoprire il ruolo di regista della seconda linea. “Devo dire che mi sono divertito. E’ un ruolo in cui devi trovare il ritmo perché ti può capitare di non toccare palloni per molto tempo e poi all’improvviso ti arriva una palla difficile. Quindi spero non ci sia un libero che sia impegnato solo durante la fase di ricezione e uno durante quella di difesa”.

Una prima parte di stagione in cui Samuele però non ha abbandonato il ruolo di schiacciatore perché coach Giuliani lo ha schierato in campo in zona 4 visto che il titolare Simone Parodi sta ancora recuperando. Un prezioso jolly per Giuliani e una carta che potrebbe essere decisiva. In fondo lo smalto non sarà quello dei tempi migliori ma due argenti e due bronzi Olimpici, due campionati del Mondo vinti, 3 ori Europei, 5 World League, una Coppa del mondo, 6 titoli italiani, 6 Coppe italia, 6 Champions League non si vincono per caso: il gusto della vittoria ha un sapore che Samuele conosce e che è deciso a riassaporare.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.