West Ham, senti Noble: "Peggio di così non può andare"

Il capitano degli Hammers ha così commentato la sconfitta per 0-3 contro il Southampton, la quinta in sei partite di Premier League: "Dobbiamo cambiare le cose in fretta".

Noble, il capitano del West Ham United

472 condivisioni 0 commenti

di

Share

Tre vittorie, 1 pareggio e 8 sconfitte su 12 partite ufficiali. È questo l'inquietante score stagionale del West Ham. La squadra dell'East End londinese, dopo aver chiuso la scorsa Premier League con lo storico record di 62 punti, ha cominciato come peggio non poteva. Prima l'eliminazione ai preliminari di Europa League per mano dell'Astra Giurgiu, poi uno dei peggiori inizi di campionato della storia: 5 sconfitte in 6 partite, 16 gol subiti e solo 7 realizzati. 

E se è vero che le uniche vittorie sono arrivate tra le mura amiche contro Domzale (Europa League), Bournemouth (Premier League) e Accrington Stanley (Coppa di Lega), è altrettanto vero che il nuovo stadio rappresenta uno dei fattori che sta spingendo gli Hammers sempre di più verso il basso. Il London Stadium doveva rappresentare l'inizio di una nuova era, si sta invece trasformando in un danno di proporzioni enormi.

A confermare il tutto ci ha pensato Mark Noble, che al West Ham è nato e cresciuto, conquistando, oltre al cuore dei tifosi, anche la fascia di capitano: 

Il lato positivo è che non può andare peggio di così. Abbiamo iniziato bene la partita, poi siamo crollati. Poteva finire 5 o 6 a zero e nessuno avrebbe potuto dire nulla. Concedere 11 gol in 3 partite è ridicolo. Avremmo potuto giocare tutta la notte ma non avremmo comunque segnato. Dobbiamo cambiare le cose sin da subito. 

A fargli eco il manager Slaven Bilic

Vedere i tifosi andarsene prima del fischio finale è frustrante per noi. Quello che sta succedendo è una mia responsabilità e ne prendo atto, non scappo. L'80% della squadra è la stessa dello scorso anno, quindi dobbiamo guardarci tutti negli occhi, essere chiari e uscirne insieme. Non voglio puntare il dito verso nessuno. Puoi perdere una partita per errore di un singolo, ma quando ne perdi quattro il problema è a livello di squadra. Dobbiamo riacquisire fiducia in noi stessi e tornare a fare risultato. 

La prossima settimana il West Ham ospiterà il neo promosso Middlesbrough per quello che sembra già essere uno snodo fondamentale della stagione. Un'altra sconfitta potrebbe costare caro all'allenatore e complicare ulteriormente le cose a livello di classifica. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.