Liga, Las Palmas-Real Madrid 2-2: sul ponte sventola bandiera gialla

Il gol di Araujo a cinque minuti dalla fine costringe il Real di Zidane al secondo pareggio consecutivo in Liga: sul banco degli imputati Bale e CR7, adesso il Barça è a -1.

1 condivisione 0 commenti

di

Share

Questo non è il vero Real Madrid. Che alza bandiera bianca. Anzi, gialla. Dopo il Villarreal, il Las Palmas. La squadra di Zidane non va oltre il 2-2 in Gran Canaria, la prestazione lascia più di qualche punto interrogativo. Soprattutto considerando la partita di Cristiano Ronaldo e Gareth Bale, avulsi dal gioco e mai incisivi. A differenza dell'altro membro della BBC: Benzema entra nel secondo tempo e cambia le carte in tavola. Dopo 3 minuti dal suo ingresso in campo il francese regala a Zizou un'illusione. Il gol di Araujo è la più fredda delle docce per il tecnico: adesso è solo uno il punto che separa Galacticos e Barça. Il Las Palmas esce a testa altissima, con un po' più di fortuna i ragazzi di Setien avrebbero potuto replicare l'impresa di quindici anni fa. 

Primo tempo

In Gran Canaria arriva il Real Madrid. Stadio pieno? Macché. La società di casa ha triplicato i prezzi dei biglietti per il match con la Casa Blanca, i tifosi non ci stanno e disertano le gialle tribune. O quasi. Ma è tempo di scendere in campo. L'ordine tattico del Las Palmas e le giocate individuali dei galacticos, due modi diversi di concepire il calcio.

Sin dalle prime battute il Real cerca di sfondare sulla destra. Poi il paradosso: gli ospiti sbloccano la partita nell'unica sortita mancina di Nacho, che oggi ha preso il posto dell'infortunato Marcelo. La responsabilità però è del Las Palmas, che cerca sempre il fraseggio in uscita, anche troppo. Il terzino madridista ruba il pallone e si invola verso la porta avversaria, respinta del portiere e schiacciata di testa di Marco Asensio

Ma chi pensa che la partita sia finita si sbaglia di grosso. Ai padroni di casa bastano cinque minuti per rimettersi in carreggiata: cross al centro dalla sinistra, la palla arriva a Tana che stoppa e piazza all'angolino. Pesa tantissimo l'assenza di Casemiro in mezzo al campo. Né Modric, né Kroos contrastano e il fraseggio del Las Palmas crea tanta apprensione alla difesa blanca. Si rientra negli spogliatoi sull'1-1, Zidane scuote la testa. Così non va.

Secondo tempo

Il dato più inquietante della prima frazione di gioco riguarda le due stelle del Real: Bale e Ronaldo. Entrambi fuori dal gioco. Tanti errori, nessuna azione da gol creata. Molto meglio Morata, in campo al posto di Benzema, non al massimo della forma. Ed è tutto dire.

Nella ripresa i Canarini mettono in campo la solita qualità nel palleggio, nonostante debbano rinunciare a Jonathan Viera, che si infortuna dopo un quarto d'ora. La svolta per il Madrid arriva dalla panchina: Zizou chiama Karim. Tocca a Benzema. Due palle gol create in tre minuti. La prima finisce tra le braccia di Javi Varas, la seconda in fondo alla rete. La partita cambia per la terza volta. Setien mette un secondo attaccante, Sergio Araujo, mentre CR7 lascia spazio - visibilmente contrariato - a Lucas Vazquez, tra pochi giorni c'è la sfida di Champions contro il Borussia Dortmund. A un quarto d'ora dalla fine della gara il dato del possesso palla recita 55% Las Palmas, 45% Real Madrid.

E a cinque minuti dalla fine i ragazzi di Setien trovano la forza di agguantare il pareggio: il neoentrato veste i panni del protagonista e grazie a un doppio rimpallo riesce a scavalcare Casilla. È la serata del Chino Araujo, non sarà facile prendere sonno questa notte. Al settimo confronto tra le due squadre arriva il primo pari. Due punti nelle ultime due partite, il Real rallenta. E il Barcellona è incollato.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.