Dugarry contro Ibrahimovic: "È un cono! E Mourinho ha perso la bussola"

L'ex attaccante francese questa volta si scaglia contro Zlatan: "Non capisco come possa giocare in Premier League, gli altri vanno a 2000 chilometri all'ora".

Mourinho e Ibrahimovic insieme nel Manchester United

927 condivisioni 0 commenti

di

Share

Chissà che non ci sia pure Christophe Dugarry, l’ex attaccante tra le altre di Milan, Bordeaux, Barcellona, nella personale categoria di “Einstein del calcio” con la quale José Mourinho ha identificato chi si è permesso di criticare lui e il suo Manchester United.

Mourinho contro i critici

L’avvio di stagione tutt’altro che esaltante, condito dalle tre sconfitte consecutive nel giro di 9 giorni, ha creato un processo mediatico nei confronti del tecnico portoghese, che dopo la vittoria per 3-1 sul Northampton in Coppa di Lega si è voluto togliere qualche sassolino dalla scarpa ai microfoni di MUTV:

So che gli "Einstein del calcio" hanno provato a cancellare 16 anni della mia carriera. Hanno provato a cancellare l'incredibile storia del Manchester United pur di concentrarsi su una brutta settimana con tre brutti risultati. Ma questo è il nuovo calcio: è pieno di Einstein.

Dugarry: "Faccia autocritica"

La possibilità che ci sia anche Dugarry in questo elenco è più che ragionevole, visto che solo qualche ora prima della partita l'ex giocatore francese ha confermato di non avere peli sulla lingua. Una settimana fa aveva attaccato duramente Louis van Gaal, stavolta se l'è presa sia con Mourinho che con Zlatan Ibrahimovic. Riguardo il tecnico, ha più di qualche perplessità:

La mia sensazione è che il suo ultimo successo tattico risalga alla partita di Champions League Inter-Barcellona (20 aprile 2010, ndr). Lui ha continuato a vincere titoli, ma credo che abbia perso la bussola. È convinto di essere più importante della squadra. Tatticamente non mette nessuno al suo posto. E se escludiamo i nuovi arrivati cosa è cambiato rispetto all'anno scorso? È la stessa organizzazione della gestione van Gaal. Mourinho si lamenta sempre degli arbitri, degli avversari o della sfortuna. Non c'è mai un minimo di autocritica.

Su Zlatan: "Come fa a giocare?"

Il francese, poi, non ci è andato leggero nemmeno sull'attaccante dei Red Devils, Zlatan Ibrahimovic:

È un cono (un birillo diremmo in Italia, ndr). La gente parla dei suoi numeri, ma è un cono. Quando vedi le partite di Zlatan, pensi che non è possibile che giochi davvero. È il calcio inglese, dove tutti viaggiano a 2000 chilometri orari.

La risposta di Mou probabilmente è arrivata (conoscendo il carattere del portoghese non sono escluse nuove integrazioni). Ora non resta che aspettare quella di Ibra, un altro che non le manda a dire.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.