Dito medio di Aleix Vidal su Instragram. Ce l'ha con Luis Enrique?

Dopo tre partite passate in tribuna, una foto postata su Instragram dal terzino spagnolo rischia di generare un vero e proprio incidente diplomatico nel Barcellona.

Dopo 3 tribune consecutive Aleix Vidal manifesta il suo malessere

162 condivisioni 0 commenti

di

Share

A volte non servono molte parole per lasciar intendere il tuo stato d'animo. A maggior ragione di questi tempi, quando può essere sufficiente un'emoticon per far capire tutto. Certo, che non fosse un periodo semplice per Aleix Vidal non era un mistero nemmeno prima: il 27enne terzino spagnolo ha giocato solo 2 delle 8 partite del Barcellona in stagione, trascorrendone 3 in panchina e altre 3 (le ultime) addirittura in tribuna.

La foto su Instragram

La sua ultima apparizione è coincisa con la sconfitta casalinga del Barça contro l'Alaves, una partita in cui ha contribuito suo malgrado al secondo gol degli avversari. Da quel momento Luis Enrique gli ha di fatto preferito Sergi Roberto, lasciandolo sempre ai margini. Come se non bastasse, le voci di mercato che vogliono il Barcellona alla ricerca Hector Bellerín dell'Arsenal già per gennaio, la dicono lunga sulla scarsa fiducia riposta in lui.

Ecco perché una semplice foto postata su Instagram può trasformarsi in un vero e proprio incidente diplomatico tra il giocatore e il suo club. Una leggerezza, forse, anche perché pur essendo il suo profilo privato era inevitabile che qualcuno dei suoi 723mila followers avrebbe poi diffuso lo screen.

Chi è il destinatario?

Di certo farà discutere, perché a una sua foto mentre si allena, Aleix Vidal ha aggiunto due emoticons: una a rappresentare una bocca cucita (come dire, meglio se non parlo) e un'altra, ancora più esplicita, dove spicca il dito medio, che la dice lunga sull'umore del giocatore.

Ora, in attesa delle probabile smentite di rito, resta da capire con chi ce l'avesse in realtà lo spagnolo. Con Luis Enrique? O magari con il Barcellona in generale? La risposta probabilmente non arriverà. Di sicuro però il caso è aperto. E non c'è stato bisogno di dire una sola parola.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.