Clamoroso in Germania: club di settima serie batte la Fifa a processo

Il Wilhelmshaven era stato retrocesso d'ufficio su imposizione della Fifa, la DFB non si era schierata. Ora il club chiede la promozione e un risarcimento danni.

Processo durato anni, ora il Wilhelmshaven chiede anche i danni alla Fifa

533 condivisioni 0 commenti

di

Share

Davide ha ancora una volta battuto Golia. Questa volta però in tribunale. La storia viene dalla Germania e ha del clamoroso. Un piccolo club di settima serie ha battuto la potentissima Fifa a processo. Nel gennaio del 2007 il Wilhelmshaven, club che militava in Quarta Serie in Germania (la prima lega non professionistica della nazione) aveva ingaggiato, a parametro zero, Sergio Sagarzazu, un argentino con passaporto italiano.

Sergio Sagarzazu

Quell'affare li avrebbe portati alla retrocessione. Non perché Sergio fosse scarso, ma perché River Plate e Atletico Excursionistas, club nei quali era cresciuto calcisticamente, chiedevano un bonus per un totale di 157.500 euro per averlo formato. Soldi che il club tedesco non aveva. Intervenne la Fifa, che diede ragione ai due club argentini. Il Wilhelmshaven si rifiutò di pagare e venne retrocesso d'ufficio. Nel 2009 venne fatto ricorso al Tas si espresse però in favore della Fifa. Il Wilhelmshaven però non ha mollato e ora ha ottenuto finalmente giustizia.

La decisione

Il club tedesco ha infatti presentato ricorso anche al Bundesgerichtshof, vale a dire La Corte di Cassazione Federale. Il verdetto ha sorpreso tutti: non essendo una squadra professionistica, il Wilhelmshaven non doveva sottostare né alle regole della Fifa né a quelle della DFB (la federazione tedesca, che non intervenne), ma solo a quelle della lega dilettantistica tedesca.

Gianni Infantino, dal 26 febbraio 2016 presidente della FIFA

La Fifa, insomma, non aveva paradossalmente il potere di far retrocedere il Wilhelmshaven dalla quarta alla quinta serie tedesca. Il club, che non è più riuscito ad ottenere la promozione e che anzi è sceso fino in settima serie, ora vuole anche un risarcimento danni dalla Fifa. Wolfgang Wesseling, capo marketing del club, ha spiegato:

Adesso abbiamo la possibilità di tornare nella Regionalliga. I tifosi e gli sponsor, che per noi sono vitali, tornerebbero a guardarci con occhi diversi. Ci siamo sentiti trattati ingiustamente e volevamo che il mondo lo sapesse. La DFB avrebbe dovuto aiutarci. Per loro 157.500 euro sono spicci, per noi non lo erano affatto

Con la decisione della Corte di Cassazione Federale, il Wilhelmshaven potrebbe fare, per la prossima stagione, direttamente il triplo salto e passare dalla settima alla quarta serie. Ottenendo anche un risarcimento economico dalla Fifa. Che Davide nello sport possa battere Golia ormai lo abbiamo imparato. Ma quando accade in tribunale è davvero sorprendente.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.