Mario Gomez, per i tifosi del Wolfsburg è la "morte delle palle gol"

L'attaccante tedesco è ancora a secco in Bundesliga e col Borussia Dortmund ha fallito ghiotte palle gol. I tifosi del Wolfsburg iniziano ad essere scettici.

Mario Gomez non si è ancora integrato nel Wolfsburg e in Bundesliga è ancora a secco

771 condivisioni 0 commenti

di

Share

Mario Gomez è tornato. Ma non in senso positivo. Almeno non secondo i tifosi del Wolfsburg. Dopo i due anni terribili vissuti in Italia con la maglia della Fiorentina, l'attaccante tedesco nella passata stagione si era ripreso. Capocannoniere del campionato turco, ha trascinato il Besiktas al titolo. Mai uno straniero aveva segnato tanto in una sola stagione col club di Istanbul. Anche in Nazionale le cose stavano facendo bene: Mario ha segnato sia in amichevole che agli Europei. Ora però secondo i tifosi del Wolfsburg è tornato... a sbagliare l'impossibile.

Errori

Tre partite da titolare in campionato, zero gol. Questo il bottino di Mario Gomez in questa Bundesliga. La cosa più grave però è che spreca clamorose palle gol. Già contro l'Hoffenheim aveva giocato male. Contro il Borussia Dortmund però ha sbagliato occasioni davvero troppo ghiotte. La sconfitta per 1-5 pesa soprattutto sulle sue spalle. Nel primo tempo contro i gialloneri, solo contro Burki, ha sparato la palla addosso al portiere avversario. Una seconda occasione ricorda un suo clamoroso errore del 2008, quando, durante gli Europei, lisciò il pallone sulla linea di porta. Il video di quel gol mancato su YouTube hanno spopolato. A fine partita Mario era inconsolabile:

Non ci credo di aver sbagliato occasioni così. È sintomatico. Da me se le cose non vanno, non vanno. Se non segno, non segno...Un altro po' e mi rompevo pure la gamba in quell'occasione.

Sui forum e sui social i tifosi già lo hanno ribattezzato "Chancentod", cioè la "morte delle palle gol". Questo nomignolo così in Germania, a dire la verità, lo si appiccica facilmente. Perfino Robert Lewandowski, nel 2010-11, venne soprannominato così dai tifosi del Dortmund. L'attaccante polacco era la riserva di Lucas Barrios. Quando il paraguaiano, nell'estate del 2011, si infortunò nella finale della Copa America (persa contro l'Uruguay), i tifosi del Dortmund chiesero a gran voce l'acquisto di una nuova punta. Jurgen Klopp credeva in Lewandowski e puntò su di lui.

Venne ripagato con gol determinanti per la vittoria del campionato 2011-12, e l'anno successivo con la quadripletta al Real Madrid. Per Mario Gomez però la situazione è diversa. Lui, tolta l'esperienza al Besiktas, è davvero troppo tempo che spreca occasioni clamorose. Riconquistare i tifosi e convincerli a levargli di dosso l'etichetta di "assassino di palle gol" non sarà facile.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.