Schumacher, l'avvocato smentisce la rivista Bunte: "Non cammina"

È finito in tribunale il caso del giornale tedesco che mesi fa parlava dell'ex pilota in ripresa. Dopo la smentita del legale c'è ancora il silenzio nel nome della privacy.

Immagine di Michael Schumacher

86 condivisioni 0 commenti

di

Share

Di Michael Schumacher ora se ne parla in tribunale. L’avvocato dell’ex pilota di Formula 1 è apparso davanti ad un giudice dopo la denuncia verso la rivista tedesca Bunte, che mesi fa rivelava: “Schumi può camminare”.

Felix Damm nell’aula è stato invece chiaro:
No, Michael non cammina. 
Il tutto è nato circa un anno fa, quando la famiglia Schumacher decide di portare in tribunale il giornale per violazione della privacy. L’articolo riportava anche dei virgolettati di un “amico misterioso” che parlava così:
È molto magro, con i terapeuti cammina, riesce a fare qualche passo e può alzare un braccio.
Il legale della famiglia ha subito smentito prima di preparare le carte per la denuncia, etichettando il comportamento della rivista come irresponsabile.
False speranze si sono create intorno al caso, adesso il verdetto definitivo del giudice arriverà ad ottobre. Ma le condizioni dell’ex ferrarista come sono? Filtra poco, l’ultimo bollettino medico risale alla fine del 2015. Nella villa sul lago di Ginevra continuano le cure, c’è uno staff di dottori e fisioterapisti a disposizione 24 ore su 24. Da quel maledetto giorno, il 29 dicembre del 2013, sono passati quasi 3 anni. Quell’incidente a Mirabel sugli scii gli è costato carissimo. Ora la famiglia chiede solo riservatezza per continuare le cure in completa serenità.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.