Liga, Osasuna-Celta Vigo 0-0: vince la paura di perdere

Pareggio senza gol tra Osasuna e Celta Vigo, che ha colpito un palo e due traverse. La squadra di Berizzo conquista il primo punto nella Liga dopo tre sconfitte consecutive,

44 condivisioni 0 commenti

di

Share

Poche emozioni, tanti legni. Due traverse e un palo per il Celta Vigo che non riesce ad andare oltre lo 0-0 nella sfida contro l'Osasuna. I padroni di casa hanno sofferto terribilmente nel primo tempo, rischiando di andare sotto in più di un'occasione. Nella ripresa ha prevalso la paura di perdere: tanto possesso palla e quasi nessuna occasione da gol. Un punto che non serve a nessuno, ma che smuove la classifica della squadra di Berizzo che, dopo tre sconfitte consecutive, trova il primo pari nella Liga.

Dominio senza gol

Nessuna delle due può permettersi di perdere. Il Celta è fermo a zero punti nelle prime tre, mentre l'Osasuna ne ha raccolto appena uno, grazie al pareggio all'esordio in casa del Malaga. A partire meglio sono proprio gli ospiti, che scendono in campo con una formazione molto offensiva: tre trequartisti alle spalle dell'unica punta Guidetti. Ed è proprio sui piedi dello svedese che capita l'occasione più ghiotta del primo tempo. L'attaccante segna, ma il gol viene annullato per fuorigioco.

La Celeste domina in lungo e in largo, pochissimi gli spazi concessi ai padroni di casa, che si limitano a cercare la giocata vincente con Riera. Due legni colpiti dai ragazzi di Berizzo: prima la conclusione di Wass che si ferma sulla traversa, poi il colpo di testa di Cabral respinto dal palo. L'arbitro manda le squadre negli spogliatoi, da segnalare le quattro ammonizioni nei primi 45 minuti: tre gialli all'Osasuna, solo uno al Celta.

Poche luci, tante ombre

Se il primo tempo si rivela noioso, la ripresa non è certo migliore. I ritmi calano ulteriormente - difficile da credere - e le squadre si limitano a rischiare meno possibile. Entrambi gli allenatori provano a cambiare le carte in tavola, ma neanche le sostituzioni riescono a rianimare una sfida con pochi sussulti e tanti sbadigli. Il possesso di palla del Celta è fine a sé stesso, l'Osasuna invece sbaglia troppi palloni in fase di rifinitura della manovra, il tasso tecnico dei Rojillos lascia a desiderare. C'è da dire che il campo del Sadar non aiuta le formazioni: l'acqua caduta nei giorni scorsi ha compromesso la stabilità del manto erboso, si alzano zolle in continuazione.

Nessuna giustificazione, solo un dato di fatto. La chance migliore del secondo tempo capita sulla testa di Jaime Romero, che però non riesce ad angolare la spizzata sul cross proveniente dalla destra. Risponde il Celta nel finale con Aspas: il calcio di punizione del numero 10 colpisce la parte superiore della traversa. Dopo tre minuti di recupero, il direttore di gara mette fine alla contesa. Un punto a testa, le squadre smuovono la classifica. Ma a vincere è la paura di perdere.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.