Gareth Barry, l'infinito: in gol alla 600° presenza in Premier League

Il centrocampista dell'Everton ha festeggiato lo straordinario traguardo con la rete del momentaneo pareggio contro il Middlesborough: Giggs è lontano 32 presenze.

Gareth Barry festeggia per il suo 52° gol in Premier League

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

La storia nel calcio non si scrive solo a suon di gol e titoli. L'esempio più lampante è Gareth Barry, centrocampista inglese in forza all'Everton che ha avuto la fortuna di esordire in Premier League alla tenera età di 17 anni e di non abbandonare la massima categoria inglese neanche per un minuto. Una carriera che lo ha visto cambiare solo tre squadre, esperienze in cui si è sempre fatto valere: il suo carattere, la sua umiltà e professionalità lo hanno reso un idolo dei tifosi e un leader dello spogliatoio

Ieri pomeriggio, in occasione del match tra Everton e Middlesborough, Barry ha fatto registrare la sua presenza numero 600, un bottino che lo colloca al terzo posto dei giocatori con il maggiore numero di gettoni in Premier League. A sole nove lunghezze, c'è Frank Lampard, mentre al primo posto c'è Ryan Giggs, la leggenda gallese del Manchester United arrivato a quota 632. 

Gareth Barry, a differenza dei sopracitati, non ha mai avuto la fama del giocatore prolifico. Nei primi anni della sua carriera giocava come difensore centrale, salvo poi diventare nel corso degli anni un centrocampista centrale dalle spiccate doti difensive. Eppure il caso ha voluto che in un giorno tanto importante segnasse la rete del momentaneo pareggio del suo Everton contro il Middlesborough. Il gol numero 52 della sua carriera in Premier League, che ha aiutato i Toffees a rimontare l'iniziale svantaggio di 0-1, conquistare la quarta vittoria di fila e piazzarsi così in solitaria al secondo posto, a sole due lunghezze dall'imbattibile Manchester City

Per il momento Barry non ha mai pronunciato la parola "ritiro", anche se a 35 anni è lecito cominciare a pensarci. Certamente, di questo passo, nessun obiettivo gli è precluso, nemmeno quel Ryan Giggs lontano "solamente" 32 presenze. Con la fiducia di Koeman e l'aiuto dei compagni, l'inglese può immaginare un meraviglioso finale di una carriera già di per se spettacolare. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.