Lapadula fa felice Montella, Bacca gli regala 3 punti. La Samp recrimina

Il colombiano subentra all'ex attaccante del Pescara e segna il gol della vittoria contro un'indomita Sampdoria. I doriani su Twitter: "Non bastano 2 gol (annullati)".

Il saluto tra i due attaccanti del Milan

385 condivisioni 0 commenti

di

Share

Averne di certezze come Carlos Bacca. Numeri alla mano, considerando anche la scorsa stagione, l'attaccante colombiano con la maglia del Milan in Serie A ha segnato 7 reti nelle ultime 7 partite.

Attaccante del Milan
Carlos Bacca esulta dopo il gol alla Sampdoria

Eppure viene messo in discussione, addirittura etichettato come colpevole di alcune sconfitte come quella contro l'Udinese, indicato come eterno partente verso le più disparate mete, bollato come svogliato e disinteressato all'esito della partita. 

Lui che a Genova ha visto dalla panchine partire Lapadula al suo posto, non ha fatto polemiche, si è riscaldato e quando Montella l'ha chiamato ha risposto presente ed esaudito gli ordini.

Penso solo al bene della squadra e a lavorare per farmi trovare sempre pronto. Alla fine del campionato per un attaccante conta quanti gol ha fatto, non quante partite ha giocato. Io parlo con i gol.

Semplice, chiaro, coinciso. L'esclusione probabilmente è stata un sacrificio che Montella - entrambi hanno ammesso di aver avuto un lungo dialogo a Milanello negli scorsi giorni - ha dovuto fare perché in chiave psicologica serviva un segnale forte al gruppo, un messaggio chiaro per ribadire che le gerarchie vengono stabilite solamente dal campo.

Allenatore e attaccante del Milan
Vincenzo Montella si coccola a fine gara Carlos Bacca

Bacca ha ascoltato, preso nota e provveduto a ristabilirle. Per un attaccante che sale, dovrebbe essercene uno che scende. E invece Gianluca Lapadula ha dimostrato di poter meritare la maglia del Milan nel debutto dal primo minuto a Marassi.

Attaccante del Milan
Debutto dal primo minuto di Gianluca Lapadula

Zero gol, è vero, ma tanti movimenti e la grinta giusta per sostituire un grande tenore come Carlos Bacca. Grazie alla sua prestazione, Vincenzo Montella ha ottenuto due obiettivi: motivare e creare concorrenza al colombiano, verificare che l'eventuale cambio di modulo non sarebbe utopia.

Per caratteristiche possono co-esistere e giocare assieme. Dipende dall'economia della squadra e dal progetto tattico, perché mettere uno dei due sull'esterno sarebbe una forzatura.

Per una squadra che sale, stavoltà sì, c'è una squadra che si ferma: l'ottima Sampdoria resta a mani vuote, con l'amaro in bocca. Una bocca che per mano di Twitter si riempe di parole e di critiche verso l'arbitraggio:

Chiaro il riferimento alla rete annullata ingiustamente a Barreto al 69', pescato erroneamente in fuorigioco dall'assistente e all'84' a Muriel, autore secondo Irrati di un tocco con la mano, ma qui restano dubbi. A onor di cronaca, vanno segnalate anche le proteste da parte del Milan al 76' e all'82' per due contatti dubbi in area di Pereira prima su Niang e poi su Bonaventura.

Due recriminazioni a testa, un palo colpito per squadra, ma un gol e tre punti in classifica di differenza. Ha forse ragione Carlos Bacca: si parla solamente con i gol.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.