L'ex Liverpool El-Hadji Diouf: "Gerrard era geloso di Balotelli"

Parla l'attaccante senegalese, che durante i suoi due anni a Liverpool ha avuto un rapporto tutt'altro che sereno con l'ex capitano dei Reds.

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

Soltanto Mino Raiola difende in pubblico Mario BalotelliNessun altro ha il coraggio con la stessa frequenza di spezzare una lancia in suo favore. E per nessuno, s'intende proprio nessuno. Il recente trasferimento al Nizza è stata l'occasione per rovinare ulteriormente il rapporto tra l'attaccante italiano e il Liverpool, club che lo aveva acquistato dal Milan due anni fa e nel quale Super Mario non è mai riuscito ad impressionare: soltanto 16 presenze e 1 gol con i Reds in Premier League (28 presenze e 4 gol in tutte le competizioni).

Prima c'è stato l'acceso scambio di vedute tra Raiola e Klopp, poi le dichiarazioni dello stesso Balotelli che ha rivelato come la scelta di andare a Liverpool sia stata la peggiore della sua carriera. Questa settimana, però, si è aperta con delle dichiarazioni inaspettate, rilasciate all'Equipe da El-Hadji Diouf, ex giocatore del Liverpool e amico di Super Mario:

Avevo detto a Mario di non andare a Liverpool, sapevo che non era l'ambiente giusto per lui. Gerrard, che non ha mai avuto il suo talento, è una persona molto gelosa che diceva sempre cose negative su di lui. È uno a cui non piacciono gli uomini di carattere. Su Balotelli si sono dette un sacco di bugie, si inventano storie solo per fare notizia, ma sono tutte cavolate. Mario è un bravo ragazzo che è arrivato in Inghilterra giovanissimo e si è costruito la sua carriera da solo. Sapevo sarebbe tornato a giocare in Premier quando ha lasciato il Manchester City, ma andare a Liverpool non è stata una buona idea. 

Dure parole d'accusa contro Steven Gerrard, che durante i suoi 16 anni a Liverpool ha conquistato 9 trofei e segnato 189 gol in 710 presenze. Da quelle parti, nessuno si era mai permesso di accusare in modo così diretto una figura leggendaria. Sicuramente, questa intervista, invece che placare definitivamente gli animi, aumenterà le polemiche.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.