La squadra dei veterani della Champions League, c'è solo un italiano

Sta per iniziare la 25esima edizione della Champions League e il quotidiano AS ha stilato, ruolo per ruolo, la squadra dei giocatori con più presenze nel torneo.

Iker Casillas, recordman di presenze in Champions League

266 condivisioni 0 commenti

di

Share

Torna la Champions League, e nessuno dica che non gli era mancata. Per l'occasione il quotidiano madrileno AS ha stilato la squadra ideale, ruolo per ruolo, composta dai giocatori con più presenze nella storia della competizione, che quest'anno spegne le sue prime 25 candeline. Al momento sono 28 i campioni che hanno raggiunto quota 100 presenze (preliminari esclusi), e altri ancora, come Gigi Buffon e Sergio Ramos, quasi certamente scollineranno nel corso di questa stagione. Una buona notizia per il calcio italiano, visto che nell'XI dei veterani selezionato da AS può contare per ora su un nome soltanto (ma che nome), quello di Paolo Maldini. E. sì: per quanto strana possa sembrare una selezione senza di lui, Leo Messi non c'è.

Portiere: Iker Casillas (156 presenze)

Il recordman assoluto di presenze in Champions League ha debuttato nel lontano 1999 ed è tuttora protagonista con il Porto. Con il Real Madrid ha alzato al cielo l'Orejona per tre volte, nel 2000, nel 2002 e nel 2014.

Terzino destro: Gary Neville (109)

Il terzino destro del Manchester United ha debuttato nella competizione nella stagione 1993-94 e nella sua lunga carriera sotto la stessa bandiera ha vinto la Champions League due volte, nel 1999 e nel 2008, benché in quest'ultimo caso praticamente senza giocare (solo 10' in campo).

Centrale: Carles Puyol (115)

Baluardo del Barcellona di Rijkaard e di Guardiola, ha collezionato nel corso della sua strepitosa carriera ben 115 presenze in Champions League, trofeo che ha vinto tre volte, nel 2006, nel 2009 e nel 2011.

Centrale: Paolo Maldini (109)

Maldini, bandiera del MilanGetty
Maldini e il suo ultimo trionfo in Champions League ad Atene

Le presenze complessive sarebbero 139, contando anche preliminari e quelle raccolte quando il torneo si chiamava ancora Coppa dei Campioni, ma è un altro il numero che conta veramente: Paolo quella coppa l'ha alzata cinque volte, più di quanto possano dire la maggior parte dei club europei.

Terzino sinistro: Roberto Carlos (120)

Il rimpianto dell'Inter per antonomasia è nel frattempo diventato uno dei più grandi interpreti del ruolo in Europa. La più importante delle sue 120 presenze in Champions League fu quella nella finale del 2002, dove servì entrambi gli assist per le reti di Raul e Zidane contro il Bayer Leverkusen.

Ala destra: Clarence Seedorf (125)

Senza soffermarci troppo sul ruolo, l'olandese è passato alla storia per aver vinto quattro Champions League con tre maglie diverse (Ajax, Real Madrid e Milan). Memorabile il suo contributo nell'ultima, quella del 2007, conquistata da trascinatore con i rossoneri. 

Regista: Xavi (151)

Xavi con la maglia del BarcellonaGetty
Xavi Hernandez, 4 Champions League vinte con il Barça

Insieme a Seedorf e a diversi suoi compagni blaugrana, il sublime architetto catalano è il giocatore ad aver vinto più volte la Champions League con questa denominazione (4). Il suo contributo nell'evoluzione del fantascientifico calcio blaugrana dell'ultima decade è incalcolabile, al di là dei numeri comunque incredibili.

Centrocampista centrale: Paul Scholes (124)

Pretoriano di Alex Ferguson, ha giocato la Champions League in 17 edizioni diverse, collezionando 124 presenze e 24 reti, oltre a due trionfi. Quello più memorabile, contro il Bayern Monaco nel 1999, fu costretto a vederlo dalle tribune.

Ala sinistra: Ryan Giggs (141)

Altro senatore di Ferguson, il gallese è il quarto giocatore con più presenze nella storia della competizione, alle spalle di Casillas, Xavi e Raul (ma è terzo, se consideriamo anche i preliminari). Ha segnato 28 reti e ha vinto due finali, nel 1999, con assist per il gol del pareggio di Sheringam, e nel 2008, con rigore realizzato nella lotteria. 

Attaccante: Raul (142)

Raul nel Real MadridGetty
La famosa esultanza di Raul

Una volta abituato a primeggiare sia nella classifica delle presenze che in quella dei marcatori della Champions League, ora ha dovuto cedere lo scettro agli ex compagni Casillas e Cristiano Ronaldo. Ma il suo palmares parla da solo: 142 presenze, di cui 130 con i blancos, 71 reti e tre coppe in bacheca, con reti nelle finali del 2000 e del 2002.

Attaccante: Cristiano Ronaldo (127)

E' l'unico giocatore in classifica a poter ambire a superare il record di Casillas, anche se per farlo gli occorreranno almeno due stagioni. Altri obiettivi certamente nel mirino del fenomeno di Madeira: diventare il primo a raggiungere i 100 gol nella competizione (è fermo a 93, mentre Messi ne ha 10 in meno) e i quattro titoli già conquistati da Xavi e Seedorf.

 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.