I tifosi del Newell's chiamano Messi: "Il tuo sogno è il nostro sogno"

I tifosi del club argentino hanno un solo desiderio: rivedere la Pulce con la maglia dei "lebbrosi". Il presidente D'Amico ci spera: "Leo al NOB farebbe la storia".

244 condivisioni 0 commenti

di

Share

"Messi, il tuo sogno è anche il nostro sogno. NOB ti incoraggia e ti aspetta", questo è lo striscione apparso allo stadio Marcelo Bielsa, casa del Newell's Old Boys: il club in cui è nato e cresciuto Leo Messi. I tifosi rossoneri non hanno mai dimenticato la Pulce e il loro sogno più grande è rivedere nuovamente l’attaccante del Barcellona con questi colori.

Messi
Messi ai tempi del Newell's

Un addio inevitabile

Messi lascia il Newell’s nel 1999, quando gli viene diagnosticata una forma di ipopituitarismo. Il club argentino non può permettersi di pagare 900 dollari al mese di cure mediche e, così, si fa avanti Carles Rexach, a quei tempi talent scout per il Barcellona. Rexach, dopo averlo visto giocare, vuole portarlo immediatamente in Spagna, promettendo alla sua famiglia di pagare tutte le spese mediche. Leggenda vuole che, non avendo a disposizione un foglio di carta, fece firmare il contratto su di un tovagliolo.

Nel periodo in cui Messi veste i colori del Newell's Old Boys (dal marzo 1994 all'ottobre del 1999), realizza complessivamente 234 reti in 179 match. Quattro stagioni indimenticabili in cui il Newell’s perde una sola partita e si guadagna, così, il soprannome de La macchina dell'87, perché tutti i giocatori erano nati, appunto, nel 1987.

Messi
Messi, ormai una bandiera del Barca

Ritorno a casa?

Molti tifosi dell'Newell’s, prevedono un ritorno a casa di Messi per il 2018, quando l’attaccante avrà 31 anni. Primo fra tutti, Cristian D'Amico, presidente del club:

Messi è il giocatore più forte del mondo e riuscire a riportarlo a casa ci consentirebbe di fare la storia. Immaginate Leo al Newell’s, con stampa di tutto il mondo e sponsor al seguito... Oltre all'aspetto sentimentale, ci consentirebbe di ripianare anche tutti i debiti.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.