Cristiano Ronaldo e le sue frecciate: Xavi solo l'ultimo della lista

L'ex centrocampista del Barcellona è l'ultima vittima delle stoccate del portoghese: in passato CR7 se l'è presa con il Real, i suoi compagni di squadra e la FIFA.

820 condivisioni 0 commenti

di

Share

Chi è il giocatore migliore del mondo, Lionel Messi o Cristiano Ronaldo? Da tanti anni ormai addetti ai lavori, tifosi e semplici appassionati di calcio si pongono tale difficile quesito. Nei giorni scorsi, tale spinosa domanda è stata posta anche a Xavi, ex centrocampista e stella del Barcellona, che incalzato dalle domande dei giornalisti ha risposto così:

Cristiano Ronaldo ha raggiunto un livello straordinario, e se lo ha fatto non può essere stupido, ma Messi è fantastico dal punto di vista fisico e mentale. Ronaldo ha un problema: Messi. Si è trovato a sfidare il miglior giocatore della storia. Tutti sanno chi è il più forte, tranne coloro che sono del Real. 

Dichiarazioni che non sono certamente passate inosservate all'asso portoghese, che al termine della partita vinta in casa per 5-2 contro l'Osasuna (suo il gol che ha portato in vantaggio il Real Madrid al 6'), ha duramente replicato:

Io sono il giocatore più cercato su Internet, e quando Xavi parla di me cerca pubblicità. Xavi ha vinto tutto, ma nessun Pallone d'oro. Io ne ho vinti 3. E lui sta giocando in Qatar. Anzi, non so neppure se sta giocando ancora.

Cristiano Ronaldo

Dichiarazioni molto simili a quelle rilasciate nel 2008 dall'ex allenatore dell'Inter José Mourinho, che a seguito delle battute rilasciate dall'allora ad etneo in un post Inter-Catania, commentò così:

Lo Monaco? Io conosco il Monaco del Tibet, il Principato di Monaco, il Bayern Monaco, il Gran Prix di Monaco. Non ne conosco altri. Se questo Lo Monaco vuole essere conosciuto per parlare di me, mi deve pagare tanto. Io ho già degli sponsor che mi pagano per fare pubblicità.

Cristiano Ronaldo non ama particolarmente parlare con la stampa, ma quando lo fa non è mai banale. Come nel 2011, quando in occasione della sfida di Champions League del suo Real Madrid contro la Dinamo Zabagria venne ripetutamente fischiato dai tifosi locali. A fine partita giustificò la questione dicendo che i tifosi erano invidiosi perché lui è bello, ricco e forte.

La mancata esultanza al Bernabeu 

Un anno più tardi, in occasione di una partita di campionato contro il Granada, CR7 firma una doppietta nel 3-0 finale a favore dei Blancos ma non festeggia i gol realizzati. Nel post - partita, incalzato dalle domande dei giornalisti, risponde così:

Non ho esultato perché sono triste, il club sa perché. È una questione professionale, vediamo quanto durerà.

Il Mondiale 2014

Dichiarazioni rumorose anche quelle rilasciate in occasione del Mondiale 2014, conclusosi con la celebrazione di Lionel Messi come miglior giocatore del torneo. La scelta della Fifa non passò certamente inosservata (in molti si aspettavano infatti un riconoscimento per Muller o Robben), e quando gli fu chiesto un parere, il portoghese non usò parole dolci:

Se dicessi tutto quello che penso, sarei già in prigione.

Lionel Messi

Contro i compagni di squadra

Al termine della partita di Champions del suo del Real Madrid contro la Roma, alla domanda circa i rapporti che avesse con i propri compagni di squadra, Ronaldo rispose stizzito:

Ho vinto la Champions League con il Manchester United e non ho mai avuto un gran rapporto con Ferdinand, Giggs, o Scholes. In campo siamo professionisti e devo difendere l'interesse della squadra, non devo mica andare a cena con Benzema o Bale.

Dichiarazioni non certamente felici rivolte ai propri compagni anche quelle rilasciate lo scorso anno in occasione del derby perso in casa contro i cugini dell'Atletico Madrid:

La stampa se la prende con me, i numeri non mentono. Se tutti fossero al mio livello saremmo primi.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.