Eredivisie, il Feyenoord è perfetto: battuto 3-1 anche l'ADO Den Haag

La squadra di van Bronckhorst domina: a segno Kuyt, Jørgensen ed El Ahmadi, di Marengo il gol della bandiera. Stupendo gesto dei tifosi ospiti per i bambini malati.

113 condivisioni 0 commenti

di

Share

Il match d'alta quota della quinta giornata di Eredivisie se lo aggiudica il Feyenoord, che contro l'ADO Den Haag centra la quinta vittoria consecutiva su 5 partite e si conferma in testa alla classifica a punteggio pieno. Nonostante gli appena due punti di differenza in classifica che distanziavano le due squadre al fischio d'inizio, quella che va in scena allo stadio De Kuip di Rotterdam è una partita senza storia, dominata in lungo e il largo dai padroni di casa allenati da Giovanni van Bronckhorst, che si prende il 3-1 finale e si gode così la sua macchina fin qui perfetta.

Primo tempo

Il Feyenoord fa capire subito quali siano le sue intenzioni e già dopo tre minuti Nicolai Jørgensen ci prova su cross di Toornstra con un colpo di testa da centro area che però finisce alto. Ci riprova al 6' con un tentativo di destro da posizione molto ravvicinata, ma Setkus dice miracolosamente di no, ripetendosi successivamente pure sulla respinta di sinistro di Jens Toornstra.

Tra l'11' e il 12' tocca a capitan Kuyt provarci per ben due volte, ma le sue conclusioni sono entrambe imprecise. L'appuntamento con il suo terzo gol in campionato però è solo rinviato, perché dopo la prima occasione degli ospiti allenati da Zeljko Petrovic, un tiro alto Gervane Kastaneer al 27', l'ex Liverpool sblocca l'incontro al 33' ribadendo in rete una respinta di Setkus su un suo tiro precedente da distanza ravvicinata nato da un cross del solito Toornstra.

Non passa nemmeno un minuto che arriva già il raddoppio, con Jørgensen (che parte però in posizione di fuorigioco) imbeccato da un filtrante illuminante ancora una volta di Toornstra. Il centravanti colpisce di prima intenzione e non lascia scampo al portiere avversario, realizzando così il suo terzo gol in 5 partite. L'ADO Den Haag è ko, non riesce a trovare una reazione e la partita scivola senza variazioni fino all'intervallo.

Secondo tempo

Nemmeno il tempo di iniziare la ripresa che il Feyenoord sfiora subito il 3-0, ancora con Kuyt, che - servito da Jørgensen - colpisce una traversa con un tiro di destro. Al 50' tocca a Steven Berghuis, ma il suo sinistro da fuori area indirizzato all'angolino viene parato da Setkus. Al 59' il portiere è costretto a un altro intervento, questa volta su Jens Toornstra che ci prova con un destro per vie centrali, dopo un filtrante di Steven Berghuis.

La squadra di van Bronchkorst continua a spingere sull'acceleratore, ma non riesce a trovare il 3-0 definitivo. L'ADO Den Haag si limita a subire colpo dopo colpo, senza mai rendersi veramente pericoloso in avanti. All'86', però, subito dopo un altro tentativo di Jørgensen, a sorpresa riesce a trovare il gol con Ludcinio Marengo che prima ci prova di testa trovando la respinta di Bradley Jones, e poi ribadisce in porta con un tiro potente di destro che spedisce il pallone sotto la traversa per il 2-1.

Nemmeno la possibilità di trovare un improbabile pareggio in extremis riesce però a dare agli ospiti quella verve mancata praticamente per tutta la partita: a dominare è sempre il Feyenoord che al 94' chiude definitivamente il discorso con il destro di preciso di Karim El Ahmadi che fissa il risultato sul 3-1 finale.

Il lancio dei peluche

Al di là della partita, il momento più emozionante si è verificato al 12' del primo tempo, quando i tifosi dell'ADO Den Haag si sono resi protagonisti di un gesto bellissimo e commovente, che ha suscitato la standing ovation di tutto il De Kuip. I supporter provenienti da L'Aia, infatti, sapendo che sarebbero stati esattamente sopra il settore riservato ai bambini dell'ospedale pediatrico Sophia di Rotterdam invitati dal Feyenoord per l'occasione (undici di loro erano anche scesi in campo prima della gara), si sono organizzati per dare vita a una vera e propria pioggia di peluche, che hanno regalato a tutti quei bambini. Davvero emozionante.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.