Eurolega 2016/2017: alla scoperta del Panathinaikos Superfoods Atene

Dopo il ritiro di Diamantidis, i greci aggiungono al roster quattro giocatori che hanno giocato l'ultima Final Four a Berlino. Può essere l'outsider di questa Eurolega.

La squadra di Atene cerca la sua settima Eurolega

60 condivisioni 0 commenti

di

Share

Quella passata verrà ricordata come l'ultima, storica stagione di Dimitris Diamantidis. Una vera e propria leggenda che ha vestito per ben 12 anni la maglia del Panathinaikos, con cui ha vinto 9 titoli greci, 10 Coppe di Grecia e ben 3 EurolegaAnche la stessa Eurolegue, dopo il ritiro, gli ha dedicato un video documentario/tributo per onorarne la carriera.

Per il Panathinaikos, quindi, la prossima sarà una stagione particolare. Una sorta di anno zero, in cui per la prima volta dopo 12 anni non avrà il suo faro guida. La dirigenza ateniese è però riuscita a trovare un possibile degno sostituto. Un giocatore di altissimo spessore, capace di cambiare una partita con una sola giocata. Un altro greco: Ioannis Bourousis

Il gigante torna così in patria dopo aver giocato in Italia (Milano) e Spagna (Real Madrid e Baskonia). Nell'ultima stagione di Eurolega, ha letteralmente trascinato il Baskonia alle Final Four con oltre 14 punti di media. Bourousis, tra l'altro, è un ex giocatore dell'Olympiacos. In attesa del primo derby, possiamo solo immaginare l'accoglienza...

Ioannis Bourousis è il nuovo centro del Panathinaikos

Bourousis non è l'unico giocatore del Pana ad aver giocato le ultime Final Four di Berlino. Sempre da Vitoria è arrivato Mike James, playmaker da 10 punti e quasi 3 assist a partita nell'ultima Eurolega. Insieme a Nick Calathes formerà una coppia di play davvero interessante. Ci sono poi i "russi" Chris Singleton e Demetris Nichols: entrambi americani, entrambi 203 centimetri. Il primo è stato uno dei punti di riferimento della sorpresa Lokomotiv Kuban; il secondo ha vinto l'Eurolega con il CSKA.

Chris Singleton in maglia Loko

Infine sono arrivati K.C. Rivers e Pat Calathes. Il primo arriva dal Real Madrid, dove ha vinto la Liga spagnola e la Copa del Rey: porterà al Pana tanta esperienza con più di 100 presenze tra Eurolega e Eurocup, oltre ovviamente ad un'Eurolega vinta col Real nel 2015. Pat è il fratello maggiore di Nick Calathes, il play titolare della squadra. Ala di 2 metri e 8 centimetri, ha vestito la maglia dell'Astana.

Il play greco Nick Calathes

Il resto della squadra è composto dai confermatissimi Nick Calathes (su cui era forte l'interesse dei Sacramento Kings), Nikos Pappas, Antonis Fotsis (che ha firmato un biennale coi verdi) e dai due americani già visti in Italia, James Gist (ex Biella) e James Feldeine (ex Cantù). A dirigere la squadra ci sarà Argiris Pedoulakis, che torna sulla panchina del Panathinaikos dopo una parentesi di un anno a Kazan. Comincia una nuova era ad Atene, un'era senza il diamante più brillante. Un'era, però, che può tornare a portare successi.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.