Eurolega 2016/2017: alla scoperta dell'Olympiacos Pireo

Pochissimi cambiamenti e tante conferme per i greci, che ripartono ancora da Vassilis Spanoulis e Georgios Printezis. Preso l'ex Siena Erik Green.

La squadra del Pireo sarà ancora guidata dalla sua stella Spanoulis

25 condivisioni 0 commenti

di

Share

Una delle squadre di maggior successo della storia dell'Eurolega, vincitrice della Coppa per due stagioni consecutive nel 2012 e nel 2013. Una società storica con un peso specifico importante nel Vecchio Continente, capace di vincere anche nel campionato greco nonostante la presenza di un'altra grande squadra come il Panathinaikos. Nell'ultima stagione è arrivato il dodicesimo successo a livello nazionale, mentre l'avventura europea si è fermata alle Top 16. Ma viste le ambizioni e la grande tradizione, i greci proveranno anche quest'anno a portarsi a casa l'Eurolega.

Spanoulis sarà ancora il leader dell'Olympiacos

Per farlo i biancorossi hanno deciso di ripartire dalle conferme, con qualche piccola aggiunta che accrescerà il valore (già alto) della squadra. La prima mossa di mercato è stata il rinnovo biennale di Vassilis Spanoulis, vera e propria stella della squadra greca. La guardia 36enne si appresta così ad affrontare la settima stagione all'Oly. 

Insieme a lui ci sarà anche l'altra grande stella di questa squadra: Georgios Printezis, che nell'ultima stagione europea ha viaggiato ad oltre 14 punti a partita. Persi solo Darius Johnson-Odom, finito a Sassari, e DJ Strawberry, diretto al Besiktas in Turchia. 

Anche in questa stagione avrà un ruolo molto importante Daniel Hackett, il playmaker della nazionale italiana. A lui coach Sfairopoulos chiederà un cambio di ritmo continuo, pur partendo dalla panchina.

Daniel Hackett, playmaaker dell'Olympiacos

I volti nuovi per l'Olympiacos saranno due: Erik Green e Khem Birch. Il primo è una guardia americana, classe '91, e arriva dai Reno Bighorns, in NBDL, dove ha chiuso la stagione a 26.5 punti di media a partita. Green ha già giocato in Eurolega, nel 2013/2014, con la maglia della Montepaschi Siena. Birch, invece, è un centro canadese, classe '92, dotato di una buona fisicità e in grado di portare ai greci tanta intensità difensiva. Le ambizioni per la squadra greca non mancano, le potenzialità nemmeno. Vedremo se la scelta della società di confermare tutta la squadra sarà premiata o meno.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.