Klopp: "Il Barcellona potrebbe giocare in Liga con la squadra B"

Nell'intervista concessa al Daily Mail, Klopp ha affrontato diversi temi: "Mi sono innamorato subito di Liverpool e dei suoi tifosi, non è stato difficile scegliere":

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

È uno Jürgen Klopp senza freni quello che parla ai microfoni del Daily Mail. Dopo appena tre partite di Premier League, che hanno visto il suo Liverpool conquistare 4 dei 9 punti disponibili, il manager tedesco ha voluto affrontare più temi parlando sia della differenza tra il campionato inglese e la Liga, sia del suo speciale rapporto con la società e i tifosi del Merseyside.

Liga e Premier League sono completamente diverse. Nel campionato spagnolo il Barcellona potrebbe tranquillamente giocare metà delle partite con la seconda squadra. Messi corre 4,3 km a partita e fa 5 gol. Sono cose impensabili che non accadranno mai qui in Inghilterra. 

Poi ha speso parole di elogio per il suo club e ha elencato le motivazioni che lo hanno spinto a firmare con il Liverpool:

Amavo Liverpool già prima di arrivarci, non è stata una decisione difficile per me. I Reds erano gli unici che potevano spingermi a tornare ad allenare. Ho ricevuto tante offerte ma rispondevo sempre: "No no, non ora, mi dispiace". Mi sono innamorato di questo club per molteplici motivi: i colori, lo stadio e i tifosi. Qui è come sentirsi in una grande famiglia. 

In meno di un anno di guida tecnica, Klopp ha guidato i Reds a due finali di coppa (entrambe perse) e ha dato maggiore consapevolezza a una squadra giovane ma con tanta voglia e tanta fame di vittorie. 

Io non scendo in campo, non faccio gol e neanche paro, ma penso di essere la persona giusta per questo ruolo in questo club. Ci toglieremo molte soddisfazioni, ne sono certo. 

Nessun dubbio quando gli chiedono chi sia stato il più forte giocatore di tutti i tempi:

Maradona non si è mai allenato davvero. Ricordo quando lo vidi a Stoccarda, avevo solo 21 anni. Sembrava camminasse durante il riscaldamento, io non riuscivo a tenere la bocca chiusa mentre lo guardavo. Quando iniziò la partita, ammutolì tutto lo stadio. Un qualcosa di straordinario. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.