UFC Fight Night 93 Amburgo: il ritorno in Europa, in prima serata

UFC torna in Europa e lo fa in una fascia oraria fruibile a tutti: prosegue la politica europea di UFC di dare spazio agli atleti più pesanti. Diretta su Fox Sports il 3 settembre dalle 21.

barnett

25 condivisioni 0 commenti

di

Share

UFC è pronta a tornare, questa volta l'appuntamento è alla Barclaycard Arena di Amburgo, in Germania. L'evento andrà in onda il 3 settembre alle ore 21, come sempre in diretta su Fox Sports (canale 204 di Sky). La politica di UFC che propone atleti di peso elevato per le card europee sembra aver avuto successo, l'organizzazione di MMA più importante al mondo ripropone ciò che si è già visto in passato.

La main card però sarà aperta da un incontro nella categoria dei pesi leggeri. Il beniamino di casa Nick 'Sergeant' Hein (13-2, 1 NC) affronterà il coreano Tae Hyun 'The Supernatural' Bang (18-9). Il tedesco ha un buon parziale di 3-1 e non è mai stato finalizzato da quand'è in UFC. Hein è inoltre una cintura nera nel judo e blu nel BJJ, il grappling dunque è il suo punto forte.

Il suo avversario Bang invece ha un background da pugile, è un protegé del Korean Top Team ed è alla sua quinta apparizione in UFC con un parziale di due vittorie e due sconfitte. Delle sue 18 vittorie, 9 sono arrivate per KO o TKO e 9 per decisione. Il più classico degli scontri grappler vs striker aprirà la main card di Amburgo.

heinCopyright ufc.com
Nick 'Sergeant' Hein

Per il secondo match della serata, che avverrà nella categoria dei massimi-leggeri, ritroviamo due vecchie conoscenze. La card tedesca segnerà infatti il ritorno di Ryan 'Darth' Bader (20-5) che affronterà lo svedese Ilir Latifi (12-4, 1 NC). Entrambi non hanno bisogno di presentazioni: Bader è un wrestler esperto, oltre ad aver ottenuto una cintura viola nel BJJ. È reduce da una sconfitta contro Anthony 'Rumble' Johnson dopo aver inanellato ben cinque vittorie consecutive. Fino a poco tempo fa si parlava di lui come uno dei possibili prossimi sfidanti al titolo. Delle sue venti vittorie in carriera, dieci sono arrivate tramite finalizzazione, di cui 6 per KO o TKO e 4 per sottomissione.

Contro di lui quello che è il compagno di allenamento dell'ex sfidante al titolo Alexander Gustafsson, anch'egli presente in card. Ilir 'The Sledgehammer' Latifi ha dimostrato di avere tutte le carte in regola per dare fastidio ai componenti della Top 10 di categoria. Attualmente è classificato tredicesimo, ma con una vittoria su Bader il salto di qualità sarebbe la conseguenza diretta. Il background di Latifi è quello di un lottatore, ma lo svedese d'origine albanese ha dimostrato di avere grande potenza anche nei colpi.

Adesso è a tre vittorie consecutive, un'altra lo proietterebbe direttamente ai piani alti. Delle sue dodici vittorie in carriera, cinque sono arrivate tramite KO o TKO e 4 tramite sottomissione. Stiamo dunque parlando di un combattente piuttosto completo. Il match fra i due promette d'essere entusiasmante.

latifiCopyright gnp1.de
Da sinistra, Ryan Bader e Ilir Latifi

Il co-main event della serata segnerà il ritorno dell'ex sfidante al titolo Alexander 'The Mauler' Gustafsson (16-4), che prenderà in consegna il polacco Jan Blachowicz (19-5) in un match nella categoria dei massimi-leggeri. Il massacratore svedese ha perso 3 dei suoi ultimi 4 incontri, due dei quali sarebbero valsi il titolo di categoria. Adesso Gustafsson vuole rimettersi in carreggiata. 'The Mauler' è un fighter completo, con uno striking poco ortodosso e imprevedibile, spesso aggressivo e senza punti di riferimento.

Inoltre è una cintura viola di BJJ e ha ottime doti di clinch e più in generale di grappling. Delle sue 16 vittorie, 10 sono arrivate per KO o TKO e 3 per sottomissione. Non si può dire che Gustafsson sia uno che si rimetta volontariamente ai cartellini dei giudici. Attualmente nei ranking di categoria UFC è classificato quarto. Il suo avversario, Jan Blachowicz, cintura marrone di BJJ, è un combattente dai risultati imprevedibili.

Dopo aver messo KO il compagno d'allenamento di Gustafsson, il sopracitato Ilir Latifi, il polacco ha perso due match di fila per decisione per poi riottenere nell'aprile 2016 una vittoria, sempre per decisione, contro Igor Pokrajac. Il test di questa settimana è il più difficile per la carriera del nativo di Cieszyn, che vanta 5 vittorie per KO o TKO e 7 per sottomissione su 19 vittorie in carriera. 

gustafsson
Alexander 'The Mauler' Gustafsson

Il main event della serata vedrà a confronto due colossi dell'ottagono, due veterani noti a coloro che seguono le MMA da parecchio tempo. Si affronteranno nella categoria dei pesi massimi Andrei 'The Pit Bull' Arlovski (25-12, 1 NC) e Josh 'The Warmaster' Barnett (34-8). Il bielorusso Arlovski è un ex campione dei pesi massimi UFC, un temibile striker dai colpi esplosivi, famigerato il suo potente pugno destro. Dopo una carriera che sembrava aver preso la fase calante, 'The Pit Bull' si è riportato sulla strada giusta, rientrando in UFC e mettendo a segno quattro vittorie di fila, riportandosi così ai piani alti.

Peccato che nelle sue ultime due apparizioni sia stato messo KO dall'attuale campione Stipe Miocic e dal prossimo sfidante al titolo Alistair Overeem. Arlovski è una cintura blu nel BJJ ed ha un ottimo background nel sambo. Occupa il sesto posto nella classifica dei pesi massimi stilata da UFC. Delle sue 25 vittorie, ben 17 sono frutto di KO o TKO e altre 3 sono arrivate per sottomissione. Adesso cercherà di riprendere la strada titolata, Josh Barnett permettendo.

Il 'Maestro di Guerra' Barnett è stato, durante il corso della sua carriera, uno dei grappler più temuti in termini assoluti. Anch'egli ex campione dei pesi massimi UFC, il trentottenne di Washington è una cintura nera secondo dan nel BJJ. Lui però ha sempre preferito definirsi un catch wrestler. Un curioso dato dice che fra le sue otto sconfitte, tre siano per sottomissione. Non è propriamente così: Barnett subì tecnicamente un TKO contro Mirko Filipovic, dichiarato come sottomissione tramite pugni. Contro lo stesso Filipovic, un'altra volta Barnett si infortunò alla spalla. Anche questa sconfitta risultò essere dichiarata come sottomissione.

La prima vera sottomissione subita in carriera da Barnett arrivò nel suo ultimo match in ordine di tempo, quello contro Ben Rothwell, a UFC on FOX 18, il 30 gennaio di quest'anno, tramite ghigliottina. 'The Warmaster' adesso è classificato nono nei ranking di categoria UFC e delle sue 34 vittorie in carriera, ne ha messe a segno 8 per KO o TKO e ben 20 per sottomissione. Questo match fra due veterani della Top 10 delizierà il palato degli aficionados e dei fan di lunga data.

barnett
Andrei Arlovski, numero 6 della classifica pesi massimi, affronterà Josh Barnett, numero 9

Il programma su Fox Sports

L'appuntamento è per sabato 3 settembre in prima serata, ore 21:00, in diretta esclusiva su FOX Sports, canale 204 di Sky. A guidarci, come al solito in cabina di commento, il nostro Alex Dandi.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.