Eder choc: "Ho pensato al suicidio, mio padre in prigione da quando ho 12 anni"

L'attaccante che ha regalato la vittoria al Portogallo a Euro 2016 ha raccontato al Daily Mail la sua terribile infanzia: "Sono arrivato anche a pensare al suicidio".

Il padre di Eder è in galera per aver ucciso la matrigna

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

È suo il gol che ha regalato al Portogallo il primo storico Europeo, ma prima della finale di Saint-Denis contro la Francia, di Eder si sapeva veramente poco. Nato nella Guinea-Bissau 28 anni fa, sceglie la nazionale portoghese e, nei tempi supplementari della finale con i Blues, cambia la storia. La vita dell’attaccante del Lille, però, è stata un inferno. In un'intervista al Daily Mail, Eder ha raccontato che il padre è detenuto in un carcere inglese dove sta scontando una condanna a 16 anni per aver assassinato la sua matrigna.

L’incubo inizia a 12 anni

Ecco le parole di Eder:

Mio padre è in prigione da quando avevo 12 anni. Uccise la mia matrigna e fu arrestato, spesso quella tragedia mi ha fatto pensare al suicidio. Non avevo la forza di andare avanti.

L'attaccante, poi, parla del rapporto con il padre: 

Dal primo momento in cui ho iniziato a guadagnare qualcosa, subito dopo essermi trasferito all'Academia (nel 2008, all'età di 21 anni, ndr), desidero andare in Inghilterra per incontrarlo. Sogno di farlo ogni volta che vado in vacanza ma non ho mai trovato il coraggio.

Eder
Eder con la maglia del Lille

Un'infanzia difficile

Eder rivela che anche prima della tragedia ha vissuto momenti molto difficili. A otto anni, infatti, finisce in un collegio di Coimbra:

Sono cresciuto lì e mi sentivo triste e abbandonato. Però è stata un'esperienza che mi ha aiutato a diventare quello che sono oggi. Ho conosciuto molti amici, è stato un momento prezioso.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.