UFC 201, ecco la card di Atlanta. Stanotte in diretta su Fox Sports!

Sarà la città di Atlanta, in Georgia, a ospitare l'evento numerato UFC di questo mese. Nel main event c'è in palio il titolo mondiale dei pesi welter.

ufc 201

32 condivisioni 3 commenti

di

Share

UFC 201 non ha portato con sé l'hype che merita. Forse perché ancora porta gli strascichi dell'evento numero 200 dell'organizzazione più famosa di arti marziali miste, forse perché precede quello che è probabilmente l'evento più atteso dell'anno, ossia UFC 202. L'evento che avrà luogo ad Atlanta, però, merita attenzione sia da parte degli appassionati - che troveranno delle vecchie conoscenze - sia da parte dei neofiti - che avranno occasione di conoscere grandi veterani dello sport. 

La main card si apre nella categoria dei pesi mosca (- 57 kg) dove il colombiano Fredy 'Bam Bam' Serrano (3-0), al suo terzo match in UFC, affronterà Ryan Benoit (8-4), reduce negli ultimi due match da una grande vittoria per KO su Sergio Pettis, fratello del più famoso Anthony, e da una sconfitta contro Ben Nguyen per sottomissione. Ray Borg avrebbe dovuto affrontare Fredy Serrano, ma dopo l'infortunio del primo, è stato scelto Ryan Benoit. 

Serranoufc.com
Fredy 'Bam Bam' Serrano

Si sale per il secondo match nella categoria dei pesi gallo (- 61 kg). Ci si aspetta un incontro altamente spettacolare fra Francisco Rivera (11-6, 1 NC), famosissimo per il match splendido seppur breve contro John Lineker, ed il redivivo Erik Perez (15-6), che non entra nell'ottagono da novembre 2015. Perez è un lottatore completo, 11 delle sue 15 vittorie sono arrivate per finalizzazione; Rivera è un artista del KO: su 11 vittorie, 8 sono arrivate infatti per knockout. Match altamente spettacolare che sarebbe senz'altro il favorito per il premio Fight of the Night, se non fosse per la presenza del campione dei pesi welter Robbie Lawler in card.

Rivera
Francisco Rivera attacca Urijah Faber

Il terzo match della main card si svolge nella categoria dei pesi welter (-77 kg). Due veterani che hanno offerto guerre a dir poco spettacolari dentro l'ottagono. Due veterani le cui carriere sono ormai avviate per entrambi dal lontano 2005. Stiamo parlando di Matt 'The Immortal' Brown (20-14) e di Jake 'The Juggernaut' Ellenberger (30-11). Ad entrambi serve uno scossone per riprendersi da brutte sconfitte. Sebbene Brown non sia mai stato messo KO in carriera, da qui il soprannome 'L'Immortale', è stato più volte sottomesso, ed è da una sottomissione subita da Demian Maia che Brown è reduce, sofferta dopo una vittoria su Tim Means che faceva ben sperare. Periodo ancora peggiore, se possibile, per Ellenberger, reduce da due sconfitte consecutive: la prima per KO contro il 'Wonderboy' Stephen Thompson al primo round, la seconda ai punti contro Tarec Saffiedine. Per entrambi, una vittoria significa una boccata d'aria e un punto in più nella loro eredità.

Brown
Matt Brown prepara l'assalto su Johny Hendricks

Il co-main event della serata è nella categoria femminile dei pesi paglia (-52 kg). La bella e letale 'Thug' Rose Namajunas (5-2) darà il bentornato nell'ottagono all'imbattuta Karolina Kowalkiewicz (9-0). La Namajunas è cresciuta moltissimo negli ultimi tempi. L'ottima striker di origine lituana ha confermato i suoi progressi quando ha vendicato nel suo ultimo match una delle due sconfitte sofferte in carriera, quella con Tecia Torres. L'avversaria polacca però di certo non è da meno. Dopo aver subito la sua unica sconfitta da lottatrice amatoriale contro l'attuale campionessa Joanna Jedrzejczyk, la sua carriera da pro è decollata ed adesso conta nove vittorie e nessuna sconfitta. Sicuramente una lottatrice a cui piace far punti e portare il match per le lunghe, viste le sue 6 vittorie ai punti sulle 9 totali. Chiunque dovesse vincere, si proietterebbe nel giro titolato a tentare di acciuffare quell'alloro che l'attuale campionessa polacca tiene ben saldo alla vita. 

Namajunas
'Thug' Rose Namajunas

E così arriviamo al main event con in palio il titolo dei pesi welter. Avevamo già discusso delle enormi potenzialità di questo match-up. Il campione Robbie Lawler (27-10, 1 NC) dovrà difendere la cintura dall'assalto di Tyron Woodley (15-3). Entrambi i fighter hanno uno stile di combattimento molto selvaggio. Entrambi sono dei counterstriker (combattono di rimessa), entrambi sono disposti a prendere dei colpi pur di metterne a segno degli altri. Esplosività ed atletismo sono senz'altro le qualità che più spiccano fra questi due colossi nella categoria dei welter. Sul piano dello striking, Robbie Lawler è sembrato inarrestabile. La domanda che tutti si pongono, dopo essere andati a spulciare il palmarès e le statistiche degli ultimi match del campione è: 'Quanto Robbie Lawler potrà ancora reggere queste battaglie?'. L'unico ad esser riuscito a mettere KO Robbie Lawler in carriera è Nick Diaz. Nessun altro. E il Lawler di oggi è un atleta molto più maturo rispetto a quello che venne sconfitto da Diaz. Se Woodley si presenta con un grande background nel wrestling, Lawler risponde con un'impressionante impennata negli ultimi tempi nella difesa dei takedown, nonché con una ottima gestione nelle fasi di lotta, ossia dove in precedenza aveva avuto i problemi maggiori. Tutti e due sono dei rappresentanti dell'American Top Team, ma non si sono mai allenati insieme, come confermato anche dagli stessi atleti. Stanotte il titolo dei pesi welter sarà in prima linea in un match che ha il sapore, ancora una volta, di una cruda battaglia.

hendricks
Robbie Lawler prende le misure a Johny Hendricks. L'espressione dello 'Spietato' è emblematica.

La follia lucida degli ultimi match di Robbie Lawler lo accompagnerà anche in questo? Woodley avrà le contromisure per tener testa allo 'Spietato'? Queste domande avranno la loro risposta stanotte. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.